Racalmuto, alleanza Adile-Borsellino? Il Pd fermo e spaccato

|




Accelerazione nella formazione di liste e candidature. Contatti tra il medico Biagio Adile e l’imprenditore Carmelo Borsellino: potrebbero correre assieme, come sindaco e vice. Il Pd non risolve i suoi dissensi sul candidato: Morena Mattina o Emilio Messana? E’ spaccatura.

Si delinea una corsa a tre per la poltrona di sindaco di Racalmuto. Mentre il tam tam sulla data delle elezioni si fa più convulso – a quanto pare si andrebbe a votare a giugno, dopo la consultazione europea – partiti e movimenti cercano accordi per evitare una lotteria con troppi candidati, in una sorta di tutti contro tutti.

Procede per la sua strada Enzo Sardo, già sindaco democristiano agli inizi degli anni Novanta. Accanto a lui molti esponenti della vecchia guardia democristiana – Luigi Castiglione, Lillo Sardo – ma anche esponenti di Sel come Lillo Alaimo Di Loro e Simone Capraro, sia pure a titolo personale. Enzo Sardo sta già cominciando a formare la squadra degli assessori e la lista dei candidati al consiglio comunale, arruolando alcuni giovani senza precedenti esperienze politiche. “Dobbiamo puntare a recuperare risorse dall’Europa, preparare progetti per opere e iniziative, solo così possiamo uscire dalla crisi di questo Comune”, spiega Sardo a chi lo avvicina. Forte delle sue conoscenze politiche personali, Sardo potrebbe essere svantaggiato dal fatto di essere considerato un politico di lungo corso, con una carriera iniziata nella Prima Repubblica.

Carmelo Borsellino cerca alleati (Foto Alfano)

Carmelo Borsellino cerca alleati (Foto Alfano)

Non ha sciolto le sue riserve Carmelo Borsellino, pressato da più parti per accettare la candidatura a sindaco, espressione di un’area che va dai movimenti al volontariato cattolico, dai giovani alla vasta fascia dei quarantenni. Il tentennamento – accetto o non accetto? – potrebbe essere superato se andassero in porto i contatti già avviati con Biagio Adile, il medico residente a Palermo, ma di origine racalmutese, tra i primi a proporre la propria candidatura? Attorno all’accoppiata Adile-Borsellino, uno sindaco e l’altro vice, potrebbero coagularsi pezzi sparsi di partiti e gruppi, arrivando a fare massa critica al punto da diventare un polo con buone probabilità di vittoria. La condizione dettata da Borsellino, però, sarebbe quella che in lista e nella squadra degli assessori non ci sia nessuno degli ultimi amministratori comunali, prima dello scioglimento per mafia del consiglio comunale.

Non risolve i suoi problemi interni il Pd. Dopo avere bruciato numerosi nomi, dopo aver chiesto a molte personalità di guidare una lista dove il Pd avrebbe un ruolo centrale (da Felice Cavallaro ad Angela Martorana), i democratici di Racalmuto devono risolvere i nodi che ora vengono al pettine. Aver chiuso pochi mesi fa un’alleanza tra le proprie diverse anime sul nome del  segretario locale Vincenzo Maniglia, ha finito per spostare conflitti e divisioni sul nome del candidato sindaco. Il Pd è chiuso nella sua impasse, mentre le settimane scorrono e gli altri cominciano a chiudere alleanze e accordi. L’ultima spaccatura sui nomi contrapposti di Morena Mattina, psicologa, vicina anche per ragioni di parentela all’esponente renziano Calogero Giglia, e quello di Emilio Messana, ex segretario provinciale del Pd, iscritto d’ufficio all’area del parlamentare Angelo Capodicasa, tradizionalmente quella che per oltre un decennio ha dominato il partito agrigentino e di Racalmuto.

Il rischio che avvertono molti democratici è un progressivo isolamento che potrebbe costringere il Pd a correre da solo, con un pericolo incombente di sconfitta o, in caso non riuscisse a trovare un’intesa, di doversi accodare, all’ultimo momento, a qualche altra coalizione già formata, accettando le condizioni riservate all’ultimo arrivato. Infine, non è escluso che il Pd possa andare in frantumi, ciascuno in ordine sparso, senza un proprio candidato, ma dietro a candidature nate e maturate lontano dalla Casa del Popolo dove il Pd sembra, per ora, rinchiuso alla ricerca del candidato che non trova.

 

 

 

Altri articoli della stessa

3 Responses to Racalmuto, alleanza Adile-Borsellino? Il Pd fermo e spaccato

  1. luca Rispondi

    19 marzo 2014 a 22:55

    ma chi mette in giro certe corbellerie!!!

    • Alessio Rispondi

      20 marzo 2014 a 13:17

      Cioè luca, spiega, se ciò che dici (che sono “corbellerie”) sono da fondi attendibili, cita la fonte e facci consapevoli! Grazie.

  2. luca Rispondi

    20 marzo 2014 a 20:31

    caro alessio, perchè non chiedi all’estensore dell’articolo la fonte? esiste lo stesso rapporto tra la mia affermazione e quella altrui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *