Casa Sciascia, il Gruppo San Pellegrino aderisce all’appello di Infurnari

|




La storica azienda offre un contributo di 5 mila euro per l’acquisto dell’immobile.

Leonardo Sciascia, nel 1973, fotografato da Ferdinando Scianna

Leonardo Sciascia, nel 1973, fotografato da Ferdinando Scianna

Il Gruppo SanPellegrino s.p.a., storica azienda italiana del colosso multinazionale Nestlè, leader nel campo del beverage e nella produzione di acque minerali ha accettato l’invito del Commissario Straordinario del Libero Consorzio comunale di Agrigento Benito Infurnari disponendo una sponsorizzazione di 5.000 euro per l’acquisto dell’immobile appartenuto alla famiglia di Leonardo Sciascia.

A darne comunicazione è stato Antonio Punziano, Dir Pubblic Category Affairs della nota azienda milanese.

Questa adesione giunge dopo quella di diversi comuni ed associazioni della provincia di Agrigento che avevano accettato l’appello lanciato dal Commissario Straordinario per l’acquisizione pubblica dell’immobile appartenuto alla famiglia di Leonardo Sciascia.

Il Commissario Benito Infurnari

Il Commissario Benito Infurnari

L’adesione del gruppo SanPellegrino s.p.a. è per il Commissario straordinario motivo di grande soddisfazione perché è la prima grande azienda italiana a sponsorizzare l’iniziativa. Infurnari si augura che altri grandi gruppi imprenditoriali italiani seguano l’esempio della SanPellegrino e diano la propria disponibilità economica per un’operazione dall’alto valore storico e culturale che riguarda uno dei più grandi scrittori italiani del 900 nativo della nostra provincia. Il Commissario Straordinario auspica inoltre che altre municipalità della nostra provincia diano un riscontro positivo all’iniziativa in modo da facilitare l’acquisto dell’immobile. L’impegno portato avanti dal Commissario Infurnari continua, dunque, a dare concreti risultati con l’auspicio che, al più presto, si possa arrivare all’acquisizione dell’immobile, scongiurando l’acquisto da parte di privati che potrebbero utilizzarlo a soli fini economici.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *