“Lu jornu di lu Munti”

|




L’appuntamento del sabato con i versi di Giovanni Salvo

Festa della Madonna del Monte Racalmuto. La presa del Cilio

 

SANGU BURGISI

Lu jornu di lu Munti m’arrizziettu

scinnu a pedi lieggiu di la galera

‘Ngignu vistita e buonu m’allicchiettu

a la chiazza tanta genti, comu a la fera

Lu Ciliu, sangu burgisi

cazzuotti tra banneri arraccamati

Lu schiettu si marita a fini misi

fuddra di testi c’assistinu ‘ncantati

Lu suli gia’ mi pungi la tistuzza

la scalunata puntu e acchianu lesta

Viaggiu vaju a fari a sta  matruzza

a sta Rigina onuru, sbampà la  festa!

Tammuriniati belli a cuorpi tranti

la banna furistera, la  prummissioni

Mazzoli cu nastri e culura sfavillanti

marci ‘ntunati darrie’ li prucissioni

Lu cavaddru nitria  a lu bastiuni

cu ‘ngruppa  na beddra picciutteddra

Lu capizzagliu ora teni lu patruni

prumissa certu fici a la madunneddra

Fazzu largu, cchi fuddra a la Batia

la testa punta, tira la cuddrana

Tra vuciuliu, surrisi e alligria

allenta lu mussili, a galoppu acchiana

La porta varca, la grazia  manifesta

forti e’  la fidi ppì sta Matri furistera

davanti lu sacratu nun s’arresta

e ogni annu allistiemmuu nna’ bannera.

Giovanni Salvo

Ascolta la poesia. Voce di Giovanni Salvo

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *