I gialli di “Màkari” tra i templi di Selinunte

da | 19 Ago 21

Da oggi al 21 agosto le iniziative del premio “Pino Veneziano”. Si inizia con Gaetano Savatteri, autore dei romanzi dai quali è stata tratta la fiction tv di grande successo. Le altre iniziative in programma.

Gaetano Savatteri (Foto Angelo Pitrone)

Al via a Selinunte il premio “Pino Veneziano” giunto alla diciassettesima edizione. Oggi alle 21 nel Giardino del Pensiero contemporaneo. Nino Cangemi conversa con Gaetano Savatteri, direttore artistico del premio. Al centro della conversazione i gialli di Màkari e il successo televisivo della fiction tratta proprio dai gialli di Savatteri dei quali alcune scene sono state girate tra i templi di Selinunte. Nel corso dell’incontro Ignazio Marchese leggerà alcune pagine dei racconti pubblicati da Sellerio.

Il 20 agosto, alle 20:45, al parco archeologico la cerimonia di consegna del premio “Pino Veneziano” a Stefano Mancuso, cui seguirà una Lectio Magistralis del premiato.

Il 21 agosto, sempre alle 21 “In viaggio verso la luna” con Tommaso Parrinello, Lia Rocco e Angelo Costanza.

Tra i partner dell’evento, patrocinata dal Comune di Castelvetrano e dal Parco archeologico, l’associazione “CasaSciascia” di Racalmuto.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone