Hamilton in linea. Eccoci!

|




Il messaggio, in italiano e in inglese, di Charles Criminisi in rappresentanza del gruppo di Racalmutesi di Hamilton che cureranno la nuova rubrica “Hamilton in linea”: “Continuiamo sulla scia di un forte legame suggellato dal Gemellaggio con Racalmuto“.

I primi immigrati Italiani giunsero ad Hamilton intorno al 1870 durante il Risorgimento, il periodo dell’unificazione italiana. Erano per lo più braccianti ed operai specializzati che giungevano per lavorare alle ferrovie, nelle miniere e nell’edilizia.
I componenti di questo piccolo gruppo furono i pionieri dell’immigrazione dall’Europa meridionale. Agli inizi del ventesimo secolo ad Hamilton, c’erano almeno cento persone di origine italiana su una popolazione di oltre 50.000. Tra questi, moltissimi siciliani.
Negli ultimi 150 anni, molti altri li hanno seguiti, un’ampia maggioranza proveniente da Racalmuto, in particolare nel periodo tra le due guerre mondiali.

I cittadini di Hamilton di origine Italiana sono ad oggi oltre 80.000. Di questi, approssimativamente 25.000 possono rintracciare le loro radici a Racalmuto. Sono inseriti in ogni campo della vita sociale e occupano posizioni di rilievo, pressoché in ogni ambito della nostra comunità. Hanno raggiunto ciò che potremmo definire “una completa integrazione”. Noi non facciamo più alcuna distinzione tra un italo-canadese ed un canadese. Quando utilizziamo il termine Canadese esso include una grande parte di Italianità. Ciò è evidente ad Hamilton… il tessuto della nostra grande città è composto da “fili” italiani.

Nel 1986 un gruppo di cittadini appassionati ed attenti di Hamilton e di Racalmuto si riunirono per dare forma ed avviare il gemellaggio tra queste due grandi cittadine. Tra i sostenitori di questo gruppo ricordiamo il sindaco di Hamilton Bob Morrow, il consigliere Vince Agrò, Angelo Cino, Nicolò Rizzo, Giovanni Macaluso, insieme al sindaco di Racalmuto Calogero Sardo ed il professor Salvatore Restivo. Questi “visionari” diedero l’avvio a qualcosa che ancora oggi è vivo, sano e vibrante.

Col passare degli anni, si sono intrapresi diversi programmi, scambi, progetti nell’ottica di mantenere vivo e forte il legame tra queste due cittadine, tra cui anche una trasmissione in simultanea delle ampie riunioni nelle due città e la dedica di una sezione alla collezione di libri di Sciascia presso la biblioteca Pubblica di Hamilton (fortemente voluta da Guido Ricca). Molti i volontari da entrambe le sponde dell’oceano che hanno contribuito alla realizzazione di tutto ciò.

Nell’autunno del 2015, il sindaco Emilio Messana insieme al consigliere Giuseppe Guagliano, hanno visitato Hamilton con il preciso scopo di rinvigorire il gemellaggio. Ciò ha portato ad un rinnovato dialogo, e ad un risorgere delle attività e dell’interesse.

Nel luglio del 2016, in occasione del trentesimo anniversario del gemellaggio, il sindaco di Hamilton Fred Eisenberger ha condotto a Racalmuto una delegazione di cittadini per partecipare alle celebrazioni della Festa del Monte. Facevano parte della delegazione: Gabe Macaluso, Jack Marchese, Gary Pillitteri, Anthony Macaluso, Riccardo Persi, Charles Criminisi.

Criminisi accanto alla statua di Sciascia ad Hamilton, in Canada

E’ stata una visita memorabile di gran successo ed è servita a rinvigorire il legame tra Racalmuto ed Hamilton ed ha dato vita ad innumerevoli progetti: La statua di Sciascia presso la LIUNA Station (alla cui inaugurazione erano presenti, nel 2017, tredici delegati di Racalmuto, rappresentanti della scuola, della Fondazione Sciascia e i componenti della giunta del sindaco Messana), il progetto del Carretto siciliano, i tornei di calcio, molti scambi culturali (tra cui anche un futuro progetto di ricerca ed una pubblicazione), ed il progetto “Casa Sciascia” che è stato posticipato a causa dell’emergenza COVID. Questi progetti sono stati portati avanti e realizzati grazie a centinaia di donazioni, volontari, compagnie e contributi individuali.

La commissione di Hamilton che ha vigilato e diretto tutti, è composta da Joe Curto, Marita Zaffiro, Anthony Macaluso, Joe Grimaldi, Sam Cino, Riccardo Persi, Jack Marchese, Joe Baiardo, Michael Macaluso, Gabe Macaluso, Nick Ciccone e il sottoscritto, Charles Criminisi.

Un altro progetto che è scaturito durante la visita del 2017 – auspice proprio Salvatore Picone – è proprio la creazione della rubrica “Hamilton in linea” su Malgrado tutto web. Si è, infatti, pensato di creare un forum virtuale per lo scambio di informazioni, idee, opinioni tra la comunità di Hamilton e quella Racalmutese. Vi potranno trovare spazio racconti, poesie, musica, opinioni, storia e molte altre forme di espressione. Il nostro auspicio è che questa rubrica ci aiuti a condividere idee ed opinioni, ci aiuti ad imparare gli uni dagli altri ed a migliorare la conoscenza di noi stessi, così come quella dei nostri fratelli e sorelle d’oltreoceano. (Traduzione: Adele Maria Troisi)

* * *

Message to our Brothers & Sisters in Racalmuto on the Occasion of the Inauguration of “Hamilton in Linea”

The first Italian immigrants came to Hamilton around the time of the Risorgimento, the unification of modern Italy, in the 1870s. They were mostly migrant labourers and skilled trades who came to work in the railways, mining and construction. This small group were the pioneers of southern European immigration. By the turn of the 20th century there were 100 people of Italian extraction amongst the Hamilton population of over 50,000. In this group were people from Sicily.

Over the past 150 years, many more have followed, a large majority of them from Racalmuto, particularly around the time of the two world wars.

Hamilton citizens of Italian descent now number over 80,000. Of that number approximately 25,000 trace their origins to Racalmuto. They are represented in all walks of life and hold leadership positions in virtually every facet of our community. They have achieved what can be termed “complete assimilation”. We no longer distinguish an Italian Canadian from a Canadian. When referring to the term Canadian there is a significant strain of Italian in it. This applies equally to Hamilton… the fabric of our great City is made of much Italian material.

Uno dei due Cilii di HamiltonIn 1986 a group of passionate and dedicated citizens from Hamilton and Racalmuto got together to conceptualize and initiate the twinning (gemellaggio) of these two great cities. Amongst the proponents of this were Hamilton Mayor Bob Morrow, Councillor Vince Agro, Angelo Cino, Nicolo Rizzo, Giovanni Macaluso as well as Racalmuto Mayor Calogero Sardo, Professor Salvatore Restivo. These visionaries started something that is alive, well and vibrant to the present time.

Over the years, many programs, exchanges, and projects were undertaken with a view to keeping strong the bonds between these two cities, including a simulcast of large gatherings in the two cities and the dedication of the Sciascia book collection at Hamilton Public Library (spearheaded by Guido Ricca). Many volunteers on both sides of the ocean were instrumental in this.

In the Fall of 2015, Mayor Emilio Messana as well as Councillor Giuseppe Guagliano visited Hamilton with the express purpose of reinvigorating the gemallaggio. This lead to renewed dialogue, interest and activity.

In July 2016, on the occasion of the 30th anniversary of the twinning, Mayor Fred Eisenberger of Hamilton led a delegation of citizens to Racalmuto to celebrate the Festa del Monte. The group included Gabe Macaluso, Jack Marchese, Gary Pillitteri, Anthony Macaluso, Riccardo Persi, Charles Criminisi.

This was a memorable and very successful visit and served to reinvigorate the bond between Racalmuto and Hamilton and spawned a number of new projects: The Sciascia Statue @ LIUNA Station (the inauguration of which was attended by 13 delegates from Racalmuto), the Carretto Project, soccer tournaments, many cultural exchanges (including a future research project and publication), and the “Casa Sciascia Project” still to be realized as a result of a delay due to COVID. These projects have been carried out and been made possible by hundreds of donors, volunteers, companies, and individuals.

La statua di Sciascia alla Liuna Station di Hamilton inaugurata il 23 settembre 2017

The Hamilton committee that has overseen and directed them is comprised of Joe Curto, Marita Zaffiro, Anthony Macaluso, Joe Grimaldi, Sam Cino, Riccardo Persi, Jack Marchese, Joe Baiardo, Michael Macaluso, Nick Ciccone, Gabe Macaluso and Charles Criminisi.

A further idea that arose out of the 2017 delegation visit is this very column, “Hamilton in linea” (wanted by Salvatore Picone, Malgrado tutto web). The concept of this column is to provide a forum for the exchange of information, ideas, opinions amongst Hamiltonians and Racalmutese. It will include stories, poetry, music, opinion pieces, history, and many other forms of expression. It is our hope that this column will help us to share ideas and opinions, learn from one another, and improve our knowledge of ourselves as well as our brothers and sisters.

Altri articoli della stessa

One Response to Hamilton in linea. Eccoci!

  1. Avatar

    Steven Z Rispondi

    24/09/2020 a 2:57

    Complimenti davvero per l’articolo e l’impegno nel mantenere questo rapporto speciale tra le due città. Non sono Siciliano ma apprezzo ed ammiro molto gli sforzi e successi finora raggiunti che beneficiano tutta la comunità di Hamilton e la rendono sicuramente più intrigante e culturalmente migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *