Cassa Integrazione. “Inaccettabili i ritardi In Sicilia”

da | 8 Mag 20

Rosalba Cimino e altri 13 deputati siciliani del M5S presentano interrogazione in Parlamento 

Rosalba Cimino

La deputata alla Camera Rosalba Cimino interviene sui “Ritardi della Regione Sicilia nella lavorazione delle pratiche necessarie all’erogazione della Cassa Integrazione in deroga” e unitamente ad altri 13 parlamentari siciliani ha presentato una interrogazione in Parlamento per chiarire le ragioni su quanto sta accadendo. A sottoscrivere l’atto il deputato Andrea Giarrizzo, primo firmatario, Angela Raffa, Dedalo Pignatone, Roberta Alaimo, Antonella Papiro, Valentina D’orso, Caterina Licatini, Eugenio Saitta, Azzurra Cancelleri, Simona Suriano, Giuseppe Chiazzese, Vita Martinciglio e Paolo Ficara.

“Questi ritardi sono inaccettabili – sostengono i deputati firmatari dell’interrogazione – in un momento di crisi come questo, la politica avrebbe dovuto lavorare ancora più duramente, tenendo in considerazione le necessità urgenti di questi lavoratori e delle loro famiglie. Così, adesso, chiediamo al Ministero del Lavoro di intervenire al fine di capire quali motivazioni sottendono tali ritardi. Per accorciare i tempi  si poteva pensare di trasferire il personale, dedicando alla gestione delle pratiche anche il personale degli altri dipartimenti, visti i 13 mila dipendenti in capo alla stessa Regione”.

“In piena pandemia oltre al danno – concludono i deputati del M5S – si è aggiunta anche la beffa, con migliaia di lavoratori siciliani penalizzati a causa di ritardi imputabili solo alla Regione e costretti a subire tempi di attesa più lunghi per beneficiare degli aiuti messi a disposizione dal decreto Cura Italia”.

 

 

 

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


  • Quel libro su Agrigento disperso e ritrovato
    HAMILTON IN LINEA La ristampa delle "Memorie storiche" di Giuseppe Picone era stato inviato ad Angelo Cino della Fratellanza Racalmutese di Hamilton. Ritrovato in un mercatino dell'usato, ora è tornato a casa […]

Facebook