“Lu sinnacu di Salina”. Racalmuto: Giovanni Salvo “colpisce” ancora

|




Ad infiammare ancora una volta il poeta racalmutese un articolo di Gaetano Savatteri.

Giovanni Salvo

L’inesauribile vena poetica di Giovanni Salvo “colpisce” ancora una volta e ci regala dei divertentissimi versi che traggono ispirazione dall’articolo di Gaetano Savatteri Il Principe di Salina è il nuovo presidente della Fondazione Sciascia, pubblicato da Malgrado tutto lo scorso 19 ottobre.

Ve li proponiamo di seguito. Buona lettura.

Lu Sinnacu di Salina

Scura e agghiorna la matina

di lu Sinnacu Salina

Nun e’ presti e’ mancu tardu

la storia di lu Gattopardu?

Savattieri ci lu dici

anchi si ristammu amici

Pi’ Malgradu lu giurnali

nenti cangia e’ tuttu uguali

Nun si scoti, resta mutu

principi e’ di Racalrmutu

Si la cosa nun funziona

la parola e’ sempri bona

E lu Tempiu resta chiusu?

e’ tranquillu, nun e’ cunfusu

Lu cavaddru zuppichia?

iddru va pi la so via

Nun ci futti di Fodali!

di lu cunsigliu Comunali

E tirannu paru e sparu

mancu chiu’ di Cavallaru?

Percio’ vide’ Malgradu Tuttu

scrissi e nun ci parsi bruttu

Contru lu sinnacu di Salina

chi l’acqua nun vagna e lu vientu nun arrimina

Altri articoli della stessa

One Response to “Lu sinnacu di Salina”. Racalmuto: Giovanni Salvo “colpisce” ancora

  1. Calogero Restivo Rispondi

    05/11/2018 a 19:01

    Ammirevole tradurre in versi fatti e accadimenti di tutti i giorni. Ritengo che occorra molta preparazione e grande esperienza oltre ad una vasta cultura. E al di là del modo di verseggiare spesso ci troviamo davanti ad autentica poesia nascosta dietro le parole “racarmutise”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *