La Camera taglia i vitalizi agli ex parlamentari. Cancelleri: “Ora tocca a Palazzo dei Normanni”

|




Il Ministro Fraccaro (M5S): “Abbiamo scritto una pagina di storia”. Insorgono gli ex parlamentari che annunciano una class action.

Brindisi al Gruppo M5S all’Ars

“Abbiamo scritto una pagina di storia, è un atto rivoluzionario che afferma la giustizia sociale nel nostro Paese. Questo successo senza precedenti dimostra che il cambiamento che stiamo portando avanti è concreto, radicale, inarrestabile. Ora niente è impossibile”.

Così il Ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro commenta l’approvazione del taglio dei vitalizi deciso oggi alla Camera.

Il provvedimento, che ricalcola il vitalizio erogato agli ex parlamentari sulla base del metodo contributivo, così come ormai da qualche anno avviene sulle pensioni di molti cittadini italiani, prevede un risparmio di 40 milioni.

Decisamente un importante provvedimento che suona soprattutto, ha sottolineato il Presidente della Camera Roberto Fico, come atto di giustizia sociale, facendo proprio un principio “costituzionale per cui tutti i cittadini sono uguali”.

Esulta il M5S che, legittimamente, rivendica la vittoria di una battaglia che è sempre stata ai primi posti del programma politico del Movimento.

Brindisi a Roma dei parlamentari pentastellati, e festa anche al gruppo del M5S all’Assemblea Regionale Siciliana.

“Ora tocca a Palazzo dei Normanni“, è il commento di Giancarlo Cancelleri –  All’Ars ci sono le condizioni politiche perché il taglio dei vitalizi fatto alla Camera possa essere replicato anche a palazzo dei Normanni”.

Intanto insorgono gli ex parlamentari che annunciano una class action. “..Adesso parleranno avvocati e giudici – anticipa il presidente della loro associazione Antonello Falomi –  e quando la legalità costituzionale sarà ripristinata chiederemo conto a quanti hanno alimentato una indegna campagna di criminalizzazione della politica e del Parlamento..”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *