Fondato a Racalmuto nel 1980

“Nema Problema”. Sciacca, dal 13 al 16 Giugno la quindicesima edizione del “Letterando in Fest”

Paola Caridi, direttrice artistica del festival: “Nema problema è un modo di dire, mutuato dal lungo decennio delle guerre nei Balcani, che diventa una chiave di lettura della realtà, locale e globale. È una chiave di lettura che mette in gioco anche l’ironia, la scaramanzia, la risata amara e beffarda”

Il programma è pronto. Pronte le sale della Badia Grande, presidio culturale di Sciacca. Mancano solo gli ultimi ritocchi, prima che si apra la quindicesima edizione del Letterando in Fest.

Tutti i dettagli del programma si conosceranno lunedì 10 giugno alle 10, ancora una volta nella Multisala Badia Grande di Sino Caracappa, ideatore e organizzatore di un progetto – il Letterando in Fest – che da un quindicennio segna la vita di Sciacca, letteraria e più in generale culturale.

Si parte giovedì prossimo, 13 giugno, con un pomeriggio denso di appuntamenti e l’apertura affidata a Marcello Sorgi e una riflessione sulla politica della Prima Repubblica, attraverso la figura di Enrico Berlinguer, a quarant’anni dalla sua morte inattesa e punto di rottura per la sinistra italiana. È un inizio che va già nel cuore del tema scelto per il Letterando 2024, con la conferma della direzione artistica di Paola Caridi.

Paola Caridi, direttrice artistica “Letterando in Fest”. Foto di Raimondo Moncada

“Nema problema”. Nessun problema. “E invece, per la Prima Repubblica, il problema ci fu, eccome, con la scomparsa di Berlinguer e poi negli anni successivi”, chiosa Paola Caridi. “Nema problema è un modo di dire, mutuato dal lungo decennio delle guerre nei Balcani, che diventa una chiave di lettura della realtà, locale e globale. È una chiave di lettura che mette in gioco anche l’ironia, la scaramanzia, la risata amara e beffarda”.

Gli ospiti: sono scrittrici, scrittori, protagonisti del tempo presente, saggisti, registi, giornalisti, magistrati, volontari, esperti di comunicazione, docenti, professionisti ai più diversi livelli, di livello nazionale e internazionale. I temi: politica nazionale, guerre, il Mediterraneo e il Medio Oriente, la mafia e il contrasto alla criminalità organizzata, la Sicilia come prisma, l’arte e la scrittura come chiave del reale.

I nomi, in rigoroso ordine alfabetico: Stefania Andreoli, Stefania Auci, Chiara Bianchi Massimo D’Antoni, Maurizio De Lucia, Giacomo Di Girolamo, Giovanni Di Leo, Sofia Lamanno, Eleonora Lombardo, Francesca Maccani, Giuseppe Mazza, Salvo Palazzolo, Costanza Quatriglio, Evelina Santangelo, Marcello Sorgi, Francesco Terracina, Salvatore Vella.

Sino Caracappa, ideatore e organizzatore “Letterando in Fest”. Foto di Raimondo Moncada

Domenica 16 giugno sarà una giornata tutta dedicata a donne che scrivono, scrittrici e registe, saggiste e giornaliste. Con uno spirito guida che seguirà lo svolgersi degli incontri, uno dentro l’altro, uno di seguito all’altro. La giornata è, infatti, dedicata a Michela Murgia, a meno di un anno dalla sua scomparsa. Tra un incontro e l’altro, dedicato ai libri più recenti scritti da autrici siciliane, si leggeranno brani dei suoi libri e dei suoi interventi pubblici. Sono benvenuti i consigli di lettura dei libri di Michela Murgia, su cui rifletteranno le sue amiche ed estimatrici: Evelina Santangelo, Costanza Quatriglio, Stefania Auci, Eleonora Lombardo, Francesca Maccani*, le redattrici di Mezzocielo, storica rivista del femminismo siciliano.

Uno spazio importante, anche quest’anno, sarà dedicato alla Sciacca che scrive, con una fascia della programmazione che si concentra sugli ultimi libri usciti in ambito locale. Confermata la programmazione cinematografica e di performance nelle sere del Letterando, compresa la presenza di TeatrOltre venerdì 14 giugno e, domenica, la proiezione della copia restaurata de L’Isola, alla presenza della regista, Costanza Quatriglio.

Anche quest’anno dello staff organizzativo della manifestazione un ruolo fondamentale sarà svolto dalla “Libreria Ubik” di Ornella Gulino.

Il Programma

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri

Il frutto dell’estate che fa bene alla salute

Buonissimo, goloso, estivo e tanto atteso