Fondato a Racalmuto nel 1980

“Il Servo di Dio Don Michele Martorana ha segnato la vita sociale e spirituale di tutta la Diocesi”

La presidente dell’Azione Cattolica di San Giovanni Gemini Irene Catarella: “Ha portato l’Azione Cattolica nel territorio agrigentino”

La Presidente dell’Azione Cattolica di San Giovanni Gemini Irene Catarella con l’Arcivescovo di Agrigento Monsignor Alessandro Damiano

Un raduno diocesano a San Giovanni Gemini di tutti i gruppi parrocchiali della Diocesi di Agrigento per commemorare il 102° Anniversario della “nascita al Cielo” del Servo di Dio Don Michele Martorana.

Ne parliamo con la Professoressa Irene Catarella, Presidente dell’Azione Cattolica di San Giovanni Gemini, promotrice del raduno che si è svolto lo scorso 21 aprile.

Professoressa Catarella perché è importante per San Giovanni Gemini e per tutta la Diocesi di Agrigento la figura di Don Michele Martorana?

Ho sempre sentito parlare di Don Michele Martorana come di un sacerdote di San Giovanni Gemini che non solo ha segnato la vita sociale e spirituale locale, ma anche di tutta la diocesi di Agrigento, infatti, ha portato l’Azione Cattolica nel territorio agrigentino. Ha fondato il primo gruppo parrocchiale di Azione Cattolica della diocesi qui a San Giovanni Gemini nel 1911. I giovani sono stati la sua missione di vita tanto è vero che ha lasciato un testamento in cui diceva di donargli il proprio cuore che è stato cavato da lui subito dopo la sua morte. La reliquia del cuore si trova nella cappella laterale della Chiesa Madre di San Giovanni Gemini dove si trova anche la sua tomba. Per i giovani è stato tanto importante da fondare anche l’Oratorio che ancora oggi è attivo e porta il suo nome. Addirittura, per incentivarli al lavoro, regalava loro un attrezzo del mestiere di cui intendevano fare praticantato.

Perché ha pensato di invitare tutti i gruppi parrocchiali della Diocesi?

Tutto è iniziato durante l’Assemblea diocesana di Azione Cattolica tenuta a febbraio, durante la quale pensando al nostro Don Michele e vedendoci tutti lì riuniti, ho pensato che sarebbe stato bellissimo rivederci attorno alla figura del nostro fondatore diocesano che, pur essendo di San Giovanni Gemini, appartiene a tutti i gruppi parrocchiali di Azione Cattolica. Per questo ho lanciato l’invito di un raduno comunitario dei gruppi parrocchiali a San Giovanni Gemini per commemorare Don Michele nella Chiesa Madre il 21 aprile 2024, domenica del “buon pastore”. La messa solenne è stata presieduta dall’Arcivescovo di Agrigento Monsignor Alessandro Damiano, concelebrata con l’Arciprete Don Gianluca Arcuri, l’Assistente diocesano di Azione Cattolica Don Carmelo La Magra, Don Nicola e Padre Francesco Biondolillo. Presenti i familiari di Don Michele, il neoeletto Presidente diocesano dell’Azione Cattolica Giovanni Gueli, il Sindaco di San Giovanni Gemini Dino Zimbardo, il Comandante dei Carabinieri e la Comandante dei Vigili Urbani, una  numerosissima rappresentanza dei gruppi parrocchiali di Azione Cattolica della Diocesi.

Professoressa Catarella cosa significa per lei essere diventata Presidente dell’Azione Cattolica di San Giovanni Gemini?

Sia per me che per il mio gruppo parrocchiale di Azione Cattolica di San Giovanni Gemini, perché noi siamo una squadra, un cuor solo e un’anima sola, significa mettersi al servizio, abbracciare tutti, chi soffre e chi gioisce, chi è sconfortato e chi è entusiasta, testimoniando la nostra fede in Gesù Cristo, vero Dio e faro della nostra vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri