Fondato a Racalmuto nel 1980

“Raccontare Sciascia”

All’Istituto Comprensivo “Guglielmo Marconi” di Palermo la presentazione del libro di Angelo Campanella e Giuseppe Maurizio Piscopo edito da Navarra.

Leonardo Sciascia fotografato da Angelo Pitrone

Sarà presentato il 22 marzo, alle 9, all’Istituto Comprensivo “Guglielmo Marconi” di Palermo il libro di Angelo Campanella e Giuseppe Maurizio Piscopo “Raccontare Sciascia“, pubblicato da Navarra nel 2021, nel centenario della nascita dello scrittore di Racalmuto.

Il libro, accolto con grande attenzione dal mondo della scuola, si avvale della prefazione di Salvatore Ferlita e delle foto di Angelo Pitrone..

Alla presentazione interverranno la dirigente scolastica Rosalba Floria, il giornalista e docente universitario Lino Buscemi, il Dirigente del Liceo Classico Umberto I di Palermo Vito Lo Scrudato, lo scrittore e docente universitario Salvatore Ferlita, la direttrice editoriale di Un tè con l’autore Rosa Di Stefano, la maestra Sabrina Firicano e l’artista Tiziana Viola-Massa.

Durante la presentazione musiche dal vivo saranno eseguite da Maurizio Piscopo alla fisarmonica e da Nino Nobile al mandolino. Parteciperanno all’incontro gli studenti delle classi terze che porranno delle domande agli autori.

Leggi anche

Raccontare Sciascia per custodirlo

 

 

 

 

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.