Fondato a Racalmuto nel 1980

Asp Agrigento, stabilizzati ventisette dipendenti

Escono dal precariato nove assistenti amministrativi, nove collaboratori amministrativi e nove assistenti sociali

I nuovi assunti a tempo indeterminato all’Asp di Agrigento

Ventisette dipendenti dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento hanno sottoscritto questa mattina, alla Cittadella della salute, il contratto a tempo indeterminato, uscendo così di fatto dal precariato.

Nel dettaglio, sono stati assunti nove assistenti amministrativi, nove collaboratori amministrativi e nove assistenti sociali.

“La loro procedura di stabilizzazione  – spiega in una nota l’ASP – è rientrata tra i primi intendimenti del neo commissario Giuseppe Capodieci, già all’indomani del suo insediamento, e mira a dare stabilità e certezze non solo ai singoli dipendenti ma anche ai servizi sanitari dove svolgono le loro mansioni. Il risultato è stato ottenuto grazie anche all’impegno profuso dal personale del Dipartimento Amministrativo e del Servizio Risorse Umane dell’ASP di Agrigento. Il superamento del precariato per le ventisette unità lavorative avviene in attuazione dell’articolo 1, comma 268, della legge 234 del 30/12/21 modificata dalla legge finanziaria 197 del 29/12/22 ed in ossequio al protocollo d’intesa regionale – circolare assessoriale 24514 del 26/04/23 per l’assunzione del personale in possesso di idoneità”.

 

.

 

 

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.