Fondato a Racalmuto nel 1980

“Il cancro e la fortuna di acchiapparlo in tempo”

“La fortuna di trovare l’ospedale adeguato e di essere seguito e assistito da personale d’eccellenza”. Una riflessione di Raimondo Moncada nella Giornata Mondiale Contro il Cancro 

Raimondo Moncada

Oggi 4 febbraio è il Word Cancer Day, ovvero la Giornata mondiale contro il cancro. Una giornata, dicono, per riflettere per chi ha da riflettere; ma anche per agire, per chi deve agire e non perdere tempo; per prevenire per chi vuole aumentare la propria aspettativa di vita e non lasciare prima del tempo questo tempo; per sostenere la ricerca medica e dare più speranza a chi vuol vuol vivere almeno di speranza; per potenziare le strutture sanitarie e limitare così i disagi ai pazienti e agli stessi medici; per trovare almeno un medico per i reparti di oncologia territoriale sguarniti o dimenticati o a cui non si dà la necessaria importanza.

Una giornata, dunque, pure contro il cancro dell’insufficienza, dell’indifferenza, della rimozione di un male che non colpisce tutti, a cui non pensiamo se non quando ne veniamo colpiti, che ogni anno si porta via tante troppe esistenze, a qualsiasi età, di qualsiasi sesso, di qualsiasi origine, di qualsiasi ceto e ricchezza. Una sfortuna che il destino ti fa trovare come una trappola lungo il tuo umano cammino. Ma nella sfortuna della malattia, a ben pensarci, ti ritrovi anche una componente di fortuna: la fortuna di acchiapparlo in tempo, la fortuna di trovare l’ospedale adeguato, la fortuna di essere seguito e assistito da personale d’eccellenza, la fortuna di essere curato secondo i protocolli medici odierni e nel rispetto dei protocolli d’umanità di sempre.

Quella di oggi non deve essere solo una giornata contro il cancro, ma la giornata di chi è malato di cancro e pretende la migliore cura, che è poi la migliore speranza, da nord come a sud, da est ad ovest, come in cielo così in terra, senza alcuna differenziazione geografica e classe sociale e la violenza di un’emigrazione, di uno stravolgimento totale, per provare a salvarsi la vita e a tenere unita la propria famiglia.

Servirà a qualcosa questa mia riflessione? Non penso. Ne scrivo come riflessione personale e per esperienza personale e non per sentito dire e aggiungere parole alle tante troppe e sole parole.

Oggi è il World Cancer Day, una ricorrenza che ci ricorda che siamo dentro che siamo usciti che non ci siamo arrivati, non una festa da celebrare come un World Life Day

https://raimondomoncada.it/

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Ecco come è nato il mio Libro”

Ad Ucria la presentazione del libro L’eretico don Paolo Miraglia di Carmelo Sciascia. L' intervento dell’Autore

“Mafia di Casa nostra”

Rassegna letteraria "Sùrfaro", le foto dell'incontro con gli scrittori Carmelo Sardo e Gaetano Savatter

“La mia Racalmuto come Pamplona”

Un'intervista a Leonardo Sciascia realizzata da Giuseppe Troisi e pubblicata dal "Giornale di Sicilia" il 6 luglio 1986.

Premio Karkison 2024, si preannuncia una edizione “di alto livello”

Carmelo Cantone, organizzatore del Premio: "Non è semplice il lavoro della Giuria, ma siamo convinti che il pubblico apprezzerà e condividerà le decisioni”