Fondato a Racalmuto nel 1980

“Vandalizzata e divelta targa dedicata a Peppino Impastato”

L’ Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato: “Non è la prima volta che le targhe dedicate a Peppino vengono colpite”

La targa dedicata dedicata a Peppino Impastato

“Per l’ennesima volta una targa dedicata a Peppino Impastato è stata vandalizzata e divelta”.

E’ quanto denuncia in una nota l’Associazione “Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato Onlus Cinisi”.

Giovanni Impastato con la targa  dedicata al fratello Peppino ucciso dalla mafia nel 1978

“Giorno 1 Febbraio – si legge nella nota – Giovanni Impastato ha denunciato presso la caserma dei Carabinieri di Cinisi un avvenimento inquietante che purtroppo ormai non è un fatto isolato. Per l’ennesima volta una targa dedicata a Peppino Impastato è stata vandalizzata e divelta. Più precisamente un ragazzo ha consegnato presso il locale appartenente alla famiglia di Giovanni Impastato, una segnaletica stradale riportante “Via Impastato” che il suddetto ragazzo ha detto di aver rinvenuto in Via Gaspare Cusumano all’altezza del ponte autostradale lato Comune di Carini. Questa insegna oltre ad essere stata divelta presenta un grande segnale a forma di una X sul nome Impastato. Dalle prime indagini risulta che la targa non apparteneva al Comune di Cinisi ma al limitrofo comune di Carini. Non sappiamo se si tratti di un atto intimidatorio o di un attacco diretto alla figura di Peppino Impastato o alle nostre attività, di certo – conclude l’Associazione  – non è la prima volta che le targhe dedicate a Peppino vengono colpite. Ci è sembrato giusto denunciare quanto accaduto”.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Aggressioni al personale sanitario

Il Presidente dell'Ordine dei Medici di Agrigento: "Individuare ogni possibile deterrente per far sì che episodi di questo tipo non abbiano a ripetersi"

Aragona, una mostra fotografica racconta il duro lavoro dei minatori

E' stata allestita nella sede della Camera del lavoro e sarà esposta il 23 febbraio

“Di sicuro partimmo da lì, da quel Liceo Empedocle che…”

Ricordi. "Come ci si conosce al liceo, non ci si conosce da nessun’altra parte.."

“Storie d’argilla – La bottega del giovane vasaio”

Canicattì, domenica 25 febbraio Laboratorio gratuito per ragazzi all'Antiquarium Vito Soldano