Fondato a Racalmuto nel 1980

Una “casa” Italiana ad Hamilton

Proseguono i lavori per la costruzione di una Comunità ed un Centro culturale nella città canadese gemellata con Racalmuto. Charles Criminisi, coinvolto nella commissione per la programmazione delle attività culturali, ci racconta il progetto

Il luogo dove sorgerà il Centro Italiano di Hamilton

Lo scorso mese di giugno ho scritto su questo giornale un articolo in ricordo di Nicholas Zaffiro. In quel breve ritratto ho fatto menzione alla mia visita al luogo in cui era stabilito che sorgessero un Centro culturale ed una comunità italiana ad Hamilton.

Il Centro dovrebbe essere operativo nel giro di un paio d’anni. Sarà a disposizione dell’intera comunità ed in particolare di tutti coloro che sono interessati ad ogni genere di argomento, ivi compresa la cultura italiana.

La sede ospiterà strutture sportive, teatro, cinema, luoghi di ristorazione, per la cura degli anziani ed ogni altro aspetto che sicuramente rappresenterà un valore aggiunto per la nostra comunità.

Il progetto sarà guidato dai “Figli e Figlie d’Italia, un’organizzazione comunitaria che è stata fondata ad Hamilton più di cento anni fa. Quest’organizzazione è anche coinvolta nel fornire alloggi, sistemazioni per anziani e molte altre iniziative di carità.

Robert Skaljin

A coordinare gli sforzi c’è Robert Skaljin, precedentemente presidente della suddetta nota  organizzazione e leader impegnato ed appassionato.

Personalmente sono coinvolto nella sottocommissione per la programmazione delle attività culturali che si pone come obiettivo ed auspicio la possibilità di programmare degli interventi significativi nell’ambito culturale, per ottenere in futuro una sede sostenibile da cui  guardare, esplorare e sperimentare il meglio della cultura italiana.

È una mia speranza personale che in futuro ci sia possibile intraprendere dei progetti con le organizzazioni culturali italiane, cosicché si possano organizzare mostre, esposizioni ed altri eventi per approfondire ed arricchire maggiormente l’esperienza culturale di quanto vivono qui in Canada.

Continuate a seguirci per i futuri aggiornamenti.

Traduzione: Adele Maria Troisi
* * * 

“Italian community and cultural centre to be built in Hamilton”

Back in June of this year I wrote an article giving tribute to Nicholas Zaffiro. In that piece I mentioned that I had just visited the future site of an Italian community and cultural centre to be established in Hamilton.

Within two years, it is expected that this centre will be operational. It will serve the community at large and a particular those interested in all things, Italian including culture.

The facility will house, sports venues, theatre, cinema, dining, seniors, care, and other aspects that will most definitely be a great value to our community.

The project is being spearheaded by “The Sons and Daughters of Italy, a community organization that was established in Hamilton over 100 years ago. This organization is also involved in affordable housing, seniors, housing, and many other charitable endeavours. Spearheading the endeavour is Robert Skaljin, past president of the above, noted organization, and generally a passionate and committed leader.

Charles Criminisi

I am personally involved on the cultural programming subcommittee. It is the goal and hope of this subcommittee to establish robust programming in the cultural area, so that we can have an ongoing sustainable venue from which to display, explorer, experience all the best of Italian culture.

It is my personal hope that we can engage in projects with cultural organizations in Italy, so that exhibitions, displays and other events can take place to further deepen and enrich the cultural experience of people here in Canada.

Stay tuned for further developments.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“L’ acqua è vita, è un diritto riceverla”

Crisi idrica. Assemblea popolare a Favara in Piazza Cavour. Ma la risposta della popolazione è stata deludente. I promotori dell'iniziativa: "Anche se in 200 questa prima azione era importante.."

“Per Voce Sola”

Agrigento al Teatranimahub terzo appuntamento con la II rassegna teatrale in ricordo di Mariuccia Linder

ASP Agrigento, stabilizzati settantaquattro operatori socio sanitari

La prossima settimana la sottoscrizione del contratto a tempo indeterminato che prevede il passaggio da 18 a 36 ore settimanali.

“Un’occasione unica per immergersi nella storia e nell’arte attraverso gli occhi dei fotografi”

Agrigento, nella Sala Zeus del Palacongressi la presentazione del volume dedicato al Fondo Fotografico Eredi Stefano Pirandello.