Fondato a Racalmuto nel 1980

La musica la sua più grande passione

Accanto alla musica Tonino Falletta aveva una virtù straordinaria: quella di essere vicino a tanti ragazzi diversamente abili. Il ricordo di Gigi Restivo.

Tonino Falletta

La telefonata arrivava puntuale, ogni anno, intorno al 20 dicembre: “Compà, siamo pronti per le novene?”. E così qualche giorno dopo, di solito il 23 dicembre, partiva il tam tam: appuntamento per tutti davanti la Chiesa Madre alle 19,00 e poi in giro per tutto il paese, a cantare innanzi alle decine di edicole votive, addobbate come ogni Natale nel segno di una tradizione ritrovata e rinnovata alla fine degli anni ‘70.

Tonino al fischietto, io alla fisarmonica, Totò Picone al tamburello, Giuseppe Cardillo alla tromba, e non mancava mai Sergio Alaimo, suo amico fraterno; ma spesso, quando mi si rattrappivano le mani e scordavo gli accordi, passava lui dal fischietto alla fisarmonica.

Tonino Falletta aveva un entusiasmo contagioso ed ogni anno il piccolo gruppetto si ingrossava sempre di più e tutti coloro che avevano addobbato le edicole ci aspettavano ogni anno con i taralli e l’amaro Averna pronti per rifocillare i suonatori nelle fredde giornate di dicembre.

Tonino aveva girato il mondo con il gruppo folkloristico “Città di Agrigento” ma era sempre presente e disponibile anche per i tanti gruppi che erano cresciuti a Racalmuto. Nella seconda metà degli anni ‘80, con Tonino e Totò Viscuglia, durante il lungo periodo estivo, facevamo il giro degli alberghi agrigentini per allietare i tanti turisti che visitavano la città del Templi: i primi soldi, per me, guadagnati suonando la fisarmonica.

Ma accanto alla musica, che era certamente la sua più grande passione, Tonino aveva una virtù straordinaria: quella di essere vicino a tanti ragazzi diversamente abili. Durante il mio mandato di Sindaco, dal 2002 al 2007, restano indimenticabili le tante serate passate al Centro Padre Cipolla.

Era un momento di festa: tutti i ragazzi gli saltavano addosso e lui, con pazienza, aveva una parola, una carezza, un incoraggiamento per ciascuno.

Conoscevo Tonino da quasi quarant’anni: conoscevo il suo papà, una persona straordinaria, e la sua grande famiglia e mi piace ricordarlo con questa foto in cui, dopo aver girovagato per l’intero paese, intorno alle 2 del mattino, ci siamo attardati, come facevamo sempre alla Piazzetta per concludere la serata.

Caro Tonino, Sono certo che se nel luogo in cui adesso ti trovi, c’è un fischietto o una fisarmonica, allieterai tutti quanti con la tua allegria, il tuo entusiasmo, la tua voglia di vivere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Aggressioni al personale sanitario

Il Presidente dell'Ordine dei Medici di Agrigento: "Individuare ogni possibile deterrente per far sì che episodi di questo tipo non abbiano a ripetersi"

Aragona, una mostra fotografica racconta il duro lavoro dei minatori

E' stata allestita nella sede della Camera del lavoro e sarà esposta il 23 febbraio

“Di sicuro partimmo da lì, da quel Liceo Empedocle che…”

Ricordi. "Come ci si conosce al liceo, non ci si conosce da nessun’altra parte.."

“Storie d’argilla – La bottega del giovane vasaio”

Canicattì, domenica 25 febbraio Laboratorio gratuito per ragazzi all'Antiquarium Vito Soldano