Fondato a Racalmuto nel 1980

“Eduday 2023 – 2024”, c’è anche la Valle dei Templi

L’offerta didattica di Coopculture per le scuole. Visite all’Orto Botanico di Palermo e ai Parchi Archeologici di Agrigento, Selinunte e Segesta 

Valle dei Templi Agrigento. Foto di Angelo Pitrone

“Musei e parchi archeologici accolgono i piccoli visitatori delle scuole costruendo visite didattiche ad hoc per i bambini e gli studenti, avvicinando l’arte e la storia anche ai giovanissimi”.

E’ l’offerta didattica di CoopCulture per l’Eduday 2023 – 2024 che prevede visite all’Orto Botanico di Palermo e ai Parchi Archeologici di Selinunte, Segesta e Agrigento.

“Studiati diversi format – spiega CoopCulture –  ogni scuola troverà qualcosa di suo interesse da proporre alle classi. Si scenderà nelle grandi cisterne ipogeiche della Valle dei Templi, si scoprirà la Pietra di Palermo nel più antico museo della Sicilia, il Salinas, a Palermo; si classificheranno piante e semi dell’Orto Botanico, si studieranno le correnti artistiche del ‘900 o le tecniche musive dei pittori contemporanei, si giocherà con Re Guglielmo o con i diavoli della Zisa, si visiterà il Parco di Monte Iato ma anche la Villa Romana di Realmonte. E poi ancora, grande attenzione ai laboratori e alle esperienze che i ragazzi potranno provare con le loro mani: dalle pitture ai mosaici, dai manufatti in argilla ai colori delle pietre antiche. Sono soltanto alcuni esempi delle tantissime proposte, condotte dagli operatori (archeologi e storici dell’arte) di CoopCulture, tutti formati con un occhio particolare alla didattica museale”.

Il programma

Mercoledì  25 ottobre alle 16 all’Orto Botanico di Palermo la presentazione dell’offerta didattica per le scuole con una visita didattica “speciale” riservata ai partecipanti e illustrazione delle aree didattiche riservate alle attività per le scuole, con dimostrazione pratica di alcuni dei laboratori proposti.

Sempre mercoledì 25 ottobre alle 15 al Baglio Florio nel  Parco Archeologico di Selinunte, verrà presentata l’offerta didattica e, eccezionalmente per l’occasione, sarà possibile sperimentare il laboratorio “Alla scoperta delle nostre amiche api”. L’archeologo dopo aver introdotto la storia del maestoso tempio E, sulla collina orientale, si focalizzerà sul recente ritrovamento di un alveare di ape nera sicula, che sarà occasione per introdurre la figura dell’ape nel mondo antico e lasciare poi spazio ad un apicoltore per un laboratorio di manipolazione della cera d’api.

Giovedì 26 ottobre alle 15.15 al Parco archeologico e paesaggistico Valle dei Templi di Agrigento. Nel corso del pomeriggio al museo Griffo verranno illustrati i laboratori “Opus focus! I colori di pietra da Agrigentum” e “I modi di abitare di Akràgas/Agrigentum”, con un approfondimento della parte che si svolgerà nel museo. Infine è prevista anche la visita all’Ipogeo Giacatello.

Al Parco Archeologico di Segesta appuntamento alle 15,30 e sarà possibile visitare l’area della moschea e della chiesa di San Leone, che fanno parte del neonato percorso didattico Segesta incontra le culture: i simboli del sacro, nuova esperienza che racconta una società multiculturale senza muri e cesure.

L’adesione delle scuole invitate agli educational è stata massiccia, e restano gli ultimi posti disponibili. Verrà comunque inviato a coloro che ne faranno richiesta, il catalogo regionale per le scuole. Basta richiederlo tramite mail a edu@coopculture.it.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Storie che provengono dal Mediterraneo

La Giornata Mondiale del Rifugiato a Palma di Montechiaro

“La Sicilia di Rosa”

Il 23 giugno il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri

Quando agli Esami di Stato arrivava l’ora X

Rinunciavi magari a svuotare la vescica per dare più tempo a pescare senza occhi vigilanti i temi che pensavi potessero servire. Ed in quel momento la magia si faceva concretezza

“La voglia e il desiderio di sognare”

Concorso Letterario Nazionale "Raccontami, o musa". “Fabbricanti di sogni" il tema dell'ottava edizione. Il Bando