Fondato a Racalmuto nel 1980

Aeroporto di Agrigento. “Priorità assoluta l’inserimento nel Piano nazionale degli aeroporti”

Così il Presidente dell’Ordine degli Architetti di Agrigento Rino La Mendola che propone la “tabella di marcia” per raggiungere l’obiettivo  

Rino La Mendola, Presidente Ordine Architetti Agrigento

“Apprezziamo le iniziative del comitato promotore per la costituzione della Spa Aeroporto Valle dei Templi di Agrigento e gli emendamenti al disegno di legge 124 del 2023, depositati in parlamento dal deputato nazionale Calogero Pisano per il reperimento delle risorse necessarie per realizzare lo scalo, ma siamo ben consapevoli che, per non ricadere nelle trappole che nel passato hanno vanificato ogni sforzo delle istituzioni preposte alla realizzazione dell’importante infrastruttura, sia prioritario e inderogabile l’inserimento dello scalo agrigentino nel Piano Nazionale degli Aeroporti, redatto dall’ENAC ed al vaglio del Ministero delle Infrastrutture”.

Così il presidente dell’Ordine degli Architetti di Agrigento Rino La Mendola che conferma le posizioni recentemente espresse dagli architetti in merito alla realizzazione dell’ Aeroporto ad Agrigento

“Al di là delle tante iniziative, portate avanti con merito da comitati cittadini e da esponenti politici impegnati sul tema – spiega La Mendola – per la concreta realizzazione dell’aeroporto, è importante procedere con ordine, secondo la seguente tabella di marcia, divisa in due fasi: la prima da avviare immediatamente, mentre la seconda rimane subordinata al buon esito della prima e al reperimento delle risorse necessarie per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori.

PRIMA FASE (Programmazione):

  • Individuazione certa e ben definita del sito;
  • Redazione di uno studio di massima, completo di report aggiornato sulla sostenibilità economica e gestionale dell’aeroporto;
  • Inserimento dello scalo nel Piano Nazionale degli Aeroporti.

SECONDA FASE (Progettazione ed esecuzione dei lavori):

  • affidamento, a professionisti esperti, del progetto di fattibilità tecnica ed economica;
  • acquisizione dei pareri di rito;
  • redazione, verifica e validazione del progetto esecutivo e successivo appalto dei lavori o, in alternativa, vista la natura delle opere da realizzare, affidamento congiunto della progettazione esecutiva e dell’esecuzione dei lavori;
  • esecuzione e collaudo dei lavori.

“Non volendo illudere i cittadini con slogan che poi vengono sistematicamente smentiti dai fatti nell’ipotesi in cui i passaggi sopra elencati siano posti in essere con successo e senza imprevisti, sperando di essere smentiti, stimiamo tempi non inferiori a cinque anni per l’auspicata posa della prima pietra. Tutto ciò sarà comunque possibile solo se i nostri rappresentanti istituzionali e politici, a prescindere dal colore dei rispettivi schieramenti, lavoreranno all’unisono, sostenendo l’avvio immediato della prima fase e abbandonando quei veti incrociati (più o meno palesi) che, nel tempo – conclude il Presidente dell’Ordine degli Architetti di Agrigento – hanno impedito la realizzazione dell’infrastruttura, tarpando le ali allo sviluppo socio-economico della nostra terra”.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Raffadali, apre il nuovo sportello del Centro per l’Impiego

Il sindaco Silvio Cuffaro: "Riusciremo a garantire una migliore fruibilità dei servizi alla popolazione residente"

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

“Premio di Arte e Cultura Siciliana Ignazio Buttitta”. Ecco i vincitori

La cerimonia di consegna il 28 giugno al Parco Letterario Luigi Pirandello