Fondato a Racalmuto nel 1980

Morti sulla Agrigento-Raffadali. Che fare?

Il problema esiste e si fa sempre più grave. Appare necessario e urgente che si intervenga con misure adeguate

Agostino Spataro

Le ultime notizie di scontri mortali sul tratto di strada Agrigento-Raffadali (SS. n. 118) provocano un grande dolore per le vittime coinvolte e per le loro famiglie e incrementano la preoccupazione di quanti, (lavoratori, studenti, famiglie) percorrono quotidianamente questo bel tratto di strada reso insicuro dai comportamenti, non conformi al buon senso e al codice della strada, di taluni adusi a percorrerlo ad alta velocità, ben oltre il limite invalicabile di 90° km/ora, improvvisando azzardosi sorpassi anche su tratti segnati da linea continua o addirittura da doppia linea continua. Per fortuna, non sono tantissimi coloro che violano le norme del codice stradale mettendo a rischio la loro vita e quella di tantissimi corretti automobilisti che le rispettano.

Tuttavia, il problema esiste e si fa sempre più grave e minaccioso e riguarda in particolare le comunità servite da questa strada (nel tratto indicato) e precisamente: Agrigento, Ioppolo Giancaxio, Raffadali e Santa Elisabetta.

Se non vogliamo continuare a contare i morti, i feriti, le perdite del patrimonio automobilistico, ecc, appare necessario e urgente che le autorità preposte alla sicurezza intervengano con misure adeguate per scoraggiare, per punire l’uso irresponsabile della strada, soprattutto per far rispettare i limiti di velocità che sono la causa principale degli incidenti.

A mio umilissimo parere, nella tratta indicata fra i punti più critici e pericolosi c’è l’innesto della provinciale di Ioppolo con la ss.118 (zona Casello) che, per quanto migliorato dagli ultimi interventi dell’Anas, resta pericoloso a causa dell’alta velocità nei due sensi. E così altri punti che ritengo ben conoscono i responsabili dei servizi. Si tratta di un problema d’interesse pubblico primario che va affrontato dai diversi soggetti responsabili, e in primo luoghi dai sindaci delle 4 comunità, nei modi più confacenti e con strumenti opportuni (autovelox per esempio). Certo d’interpretare il senso diffuso di preoccupazione, spero che i sindaci interessati vogliano occuparsi del grave problema e trovare adeguate soluzioni.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Come gestire le emergenze ostetriche”

E' il tema del convegno in programma ad Agrigento il 21 maggio

“Una Marina di Libri”, dal 6 al 9 giugno il Festival dell’Editoria Indipendente

Il 24 maggio al Parco Villa Filippina di Palermo la conferenza stampa di presentazione dell'edizione 2024. "Oltre i Confini" il tema di quest'anno

Mimmo e i miei ricordi rimasti in ombra per tanto tempo

Ho sempre avuto in animo di palesarli e l'articolo di Giancarlo Macaluso li ha riaccesi

“Io, Enzo Tortora, arrestato in nome del nulla, del puro delirio”

Il 18 maggio del 1988 moriva Enzo Tortora. Le lettere tra il noto personaggio televisivo e Leonardo Sciascia. La storia di Tortora è raccontata dalla figlia Gaia nel libro "Testa alta, e avanti", pubblicato da Mondadori nel 2023