Fondato a Racalmuto nel 1980

Grotte, inaugurato il nuovo Centro AVIS

Il Presidente Pietro Zucchetto: “Oggi è uno di quei giorni che ricorderemo a lungo”

Ci sono voluti tre lunghissimi anni, tanto lavoro e una lenta e complessa trafila burocratica, ma alla fine l’obiettivo è stato raggiunto: il punto di raccolta AVIS è stato inaugurato e ufficialmente aperto al pubblico.

La cerimonia di presentazione della nuova sede, avvenuta ieri 14 giugno nei locali di via Francesco Ingrao, si è trasformata in una vera e propria festa a cui tutta la collettività si è unita.

Un evento importante per la comunità, programmato in concomitanza con il World Blood Donor Day – Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, che restituisce ai tanti volontari che per anni hanno lavorato e creduto a questo progetto l’enfasi e lo spessore sociale, civile e morale che l’atto del donare porta con sé.

“Noi tutti dell’AVIS Comunale di Grotte – dice Pietro Zucchetto presidente AVIS- siamo convinti che oggi è uno di quei giorni che ricorderemo a lungo. Di sicuro il ricordo di questo giorno sopravvivrà a tutti noi. L’AVIS di Grotte sopravvivrà a noi. Lasceremo ai nostri giovani il frutto dei grandi sacrifici fatti in questi tre lunghi anni di lavoro, ma che grazie alla determinazione, alla testardaggine ed alla coesione del Gruppo Dirigente siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo prepostoci: far nascere a Grotte un punto fisso di raccolta di sangue, nella grande famiglia dell’AVIS. Naturalmente, tutto ciò è stato possibile solo ed esclusivamente per l’animo sensibile e lungimirante del nostro Signor Sindaco, Alfonso Provvidenza, il quale interpellato, ha subito sposato il progetto e con la sua giunta municipale ci ha concesso in comodato d’uso gratuito i locali della nostra sede, oltre che il Patrocinio del Comune di Grotte. Il suo sì alla nostra richiesta è stata una scelta di vita, di amore, di civiltà.”

È nel marzo 2019 che l’AVIS di Grotte si costituisce e inizia la sua avventura, un’avventura resa possibile dal senso civico, dalla generosità e dalla solidarietà dei grottesi, che hanno permesso di dare vita ad una raccolta fondi senza precedenti. Aziende locali, esercizi pubblici e gente comune hanno condiviso il nuovo progetto, dando il proprio contributo utilizzato per la ristrutturazione dei locali di via Ingrao.

“Con quanto raccolto – continua Pietro Zucchetto – abbiamo iniziato i lavori e per completarli abbiamo acceso un mutuo con la Banca Intesa di Agrigento. Abbiamo, inoltre, partecipato al Progetto Regionale della Democrazia Partecipata, piazzandoci al secondo posto. Così alla fine di questa raccolta fondi abbiamo potuto comprare tutti gli arredi necessari e portare a termine i lavori di ristrutturazione obbligatori per rendere la sede a norma”.

Ed è la generosità il segreto del successo di un progetto tanto importante, un progetto che coinvolge l’intera collettività chiamata a contribuire anche nei momenti più dolorosi, in occasione della perdita di un proprio caro per esempio, ma anche attraverso la donazione del 5X mille.

“Sento forte il dovere di ringraziare tutti i soci donatori che in questi tre anni, nonostante la mancanza del punto di raccolta a Grotte, non hanno mai mollato, continuando a donare il proprio sangue a Campobello di Licata o presso i Centri Trasfusionali di Agrigento e Canicattì. Un ringraziamento va anche a Giovanni Di Liberto Presidente della UdR di Campobello di Licata e ad Amedeo Avanzato ex Presidente e alla nostra Responsabile della Qualità, la Dott.ssa Chiara Avanzato. È mio dovere ringraziare il Signor Sindaco Alfonso Provvidenza per averci concesso e fatto vivere, questa bella giornata di festa accanto a questo splendido murales, fatto realizzare dall’Associazione “La Biddina” ed alle Forze dell’Ordine che ci hanno aiutato a muoverci in sicurezza. Ed ancora, un ringraziamento va all’ Ing. Calogero Chiarenza e all’ingegnere Dino Morreale, ai Signori Rocco e Salvatore La Mendola, Giovanni Arnone e Giovanni Pillitteri e ai tanti, tanti altri che regalando il loro sapere, il loro denaro, la loro manodopera o il loro materiale e ci hanno permesso di realizzare il nostro comune progetto. A tutti, ma proprio a tutti va il nostro grande grazie.”

Ma il momento più bello ed emozionante dell’intera cerimonia, seguita da oltre 2000 utenti sulla pagina Facebook del Comune di Grotte, è stato senza ombra di dubbio il taglio del nastro. Le forbici da sarto legate a questo rito sono state affidate alle piccole mani di Bianca, la più giovane dei volontari AVIS, che sostenuta dal Sindaco di Grotte Alfonso Provvidenza ha tagliato il nastro per sancire il passaggio dei lavori necessari per la realizzazione del progetto al lavoro finito.

“Visto che la nostra sede Avis guarda con fiducia ai giovani ed al futuro, – conclude Pietro Zucchetto- abbiamo ritenuto opportuno fare tagliare il nastro tricolore inaugurale alla nostra piccola mascotte, Bianca, che con i suoi 6 anni ha tutta una vita davanti, ricca di soddisfazioni e serenità, che auguriamo a tutti i giovani, che vorranno avvicinarsi a noi.”

Alla cerimonia di inaugurazione, officiata da Don Rosario Bellavia, hanno preso parte Alfonso Provvidenza sindaco di Grotte, Alfonso Contrafatto, Comandante delia Stazione Carabinieri di Grotte, il dottor Gaetano Amodeo ed il dottor Stefano Aprile del Centro Trasfusionale di Agrigento, Salvatore Ciaccio, Consigliere Regionale Avis, Domenico Allegro, Presidente Provinciale Avis di Agrigento, Angela Vaccaro, Consigliere Provinciale Avis, Gaspare Cumbo, Presidente Comunale Avis di Agrigento, Francesco Noto, Presidente Comunale Avis di Ribera, Martina Chillura, Presidente Comunale Avis di Santo Stefano di Quisquina , Giovanni Di Liberto, Presidente della UdR di Campobello di Licata e Amedeo Avanzato l’ex Presidente, la Dott.ssa Chiara Avanzato, la Dott.ssa Paola Caracappa, Referente della CeSVoP per la Provincia di Agrigento e tanti Medici ed Operatori Sanitari.

Guarda foto

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“C’era una volta la Dc”

Agrigento, al Centro culturale “Pier Paolo Pasolini” la presentazione del libro di Elio Sanfilippo

Leucemie e Mieloma, come possiamo aiutare la ricerca scientifica

Se ne parla nello Speciale Medicina di Simona Carisi in onda su Teleacras

“Dal sesto piano”

Il racconto della domenica

Torna Màkari. Con tutti i libri del mondo e una sorpresa

Terzo episodio di "Màkari", domenica 3 marzo alle 21.25 su RaiUno. In scena, Ninni Bruschetta e Romina Caruana.