Fondato a Racalmuto nel 1980

Licata, omaggio alla “Signora delle Stelle”

Intitolato a Margherita Hack uno dei vialetti della Villa Comunale

In occasione dell’approssimarsi dell’Otto Marzo, Giornata internazionale della donna, a Licata è avvenuta l’intitolazione di uno dei vialetti della Villa Comunale alla grande astrofisica Margherita Hack. 

La richiesta era stata fatta dalle associazioni locali di  Toponomastica femminile, dal CIF (Centro Italiano Femminile) e dall’OPA (Osservatorio Permanente Antiviolenza) e subito favorevolmente accolta dal Sindaco Giuseppe Galanti e dalla Giunta comunale. Presenti alla cerimonia rappresentanti della Polizia Municipale, della Guardia di Finanza, della Guardia Costiera, l’assessora alla Cultura Violetta Callea e il Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Russotto.  Presente anche la dirigente dell’I.I.S. “Fermi” Amelia Porrello, il direttivo e soci del CUSCA (Centro Universitario Socio Culturale Adulti), dell’Inner Wheel e del Gruppo lettura licatese.

Margherita Hack era nata a Firenze il 12 giugno del 1922 e si è spenta a Trieste il 29 giugno del 2013. Tra i suoi innumerevoli incarichi e riconoscimenti ci piace sottolineare anche un suo primato: è stata la prima donna italiana a dirigere un Osservatorio Astronomico. E’ da tutti ricordata come “La signora delle Stelle”. Così ripeteva spesso: “Cerchiamo di vivere in pace, qualunque sia la nostra origine, la nostra fede, il colore della nostra pelle, la nostra lingua e le nostre tradizioni. Impariamo a tollerare ed apprezzare le differenze. Rigettiamo con forza ogni forma di violenza, di sopraffazione, la peggiore delle quali è la guerra”

Con questa intitolazione anche Licata ha aderito ufficialmente alla campagna  nazionale “Una Margherita sulle nostre strade” lanciata dall’Associazione Toponomastica femminile e a cui hanno aderito decine e decine di Comuni d’Italia.

Da sottolineare l’impegno della Comandante della Polizia Municipale Giovanna Incorvaia e del responsabile tecnico Paolo Todaro  che, ogni anno, rendono possibili e concrete le intitolazioni dei vialetti all’interno della Villa Comunale.

Ricordiamo l’anno scorso l’intitolazione a Rita Levi Montalcini, e due anni fa ad Emanuela Loi vittima di mafia, a Clotilde Terranova vittima sul lavoro e ad Alina Condurache vittima di femminicidio.

Guarda foto di Nazareno Prinzivalli

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Quando agli Esami di Stato arrivava l’ora X

Rinunciavi magari a svuotare la vescica per dare più tempo a pescare senza occhi vigilanti i temi che pensavi potessero servire. Ed in quel momento la magia si faceva concretezza

Storie che provengono dal Mediterraneo

La Giornata Mondiale del Rifugiato a Palma di Montechiaro

“La voglia e il desiderio di sognare”

Concorso Letterario Nazionale "Raccontami, o musa". “Fabbricanti di sogni" il tema dell'ottava edizione. Il Bando

Racalmuto festeggia San Calogero

Domenica 23 giugno un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco