Fondato a Racalmuto nel 1980

A scuola di genitorialità per imparare a fare i genitori

Gli effetti della digitalizzazione nelle relazioni familiari. Grotte, incontro con il sociologo Francecso Pira e il teologo Mimmo Zambito

Famiglie sempre più connesse al mondo virtuale e sempre meno a quello reale. Famiglie sempre più social, ma sempre meno capaci di comunicare, di esprimere emozioni, di dialogare. Famiglie attente agli spostamenti dei figli quando vanno fuori casa, ma sempre più distratte quando li lasciano per ore davanti a supporti elettronici, ignari dei pericoli della rete. Famiglie con genitori adultescenti, spesso in competizione con i figli. Famiglie con genitori spazzaneve pronti ad accompagnarli in ateneo il primo giorno di università. Famiglie con genitori pronti a chiedere aiuto ai figli per scaricare app, risolvere problemi di memoria, formattare smartphone. Famiglie in corsa col tempo e lo spazio.

L’intervento del sociologo Francesco Pira

È questa l’immagine che il sociologo e docente Francesco Pira ha regalato alle tante famiglie presenti all’incontro dibattito “Famiglie connesse o sconnesse?”, organizzato dalla comunità ecclesiale, domenica 1 marzo, a Grotte.

Una fotografia che non lascia ampi margini di interpretazione, che racconta come siano cambiate le famiglie, le relazioni che in esse si consumano; una fotografia che mette a fuoco un modo nuovo di essere genitori, di essere figli. L’essere social sembra aver impoverito la capacità di comunicare, di esprimere le proprie emozioni, di provare vere emozioni. È come se la gamma di emozioni che vanno dalla gioia al dolore fossero state imprigionate in piccole bolle di ghiaccio secco per rappresentare infinite faccine. Si parla poco, si scrive meno e lo si fa male. Per accelerare il flusso comunicativo si utilizzano decine e decine di emoji, che dicono tutto e niente. Ma ciò che preoccupa è lo scarso controllo che molti genitori esercitano sulla vita virtuale dei loro figli, nonostante la possibilità di installare affidabili parental control sui supporti elettronici utilizzati dai minori. Aggirando termini e condizioni d’uso già dalla scuola primaria, dagli otto anni in su, i bambini utilizzano Whatsapp, Instagram, Facebook e Tick Tock. Pochi, pochissimi genitori sanno, per esempio, che Tick Tock è un social a cui ci si può iscrivere fornendo un numero di telefono. Ancora meno sono i genitori consapevoli che tra i suoi utenti si possano nascondere pedofili o che le challenge lanciate possano diventare pericolose. I genitori fanno fatica a stare al passo con la tecnologia, pensano che i figli siano molto più bravi di loro e per questo si fidano. Sbagliato.

Ecco che nasce il bisogno di ritornare a scuola, a scuola di genitorialità, per imparare a fare i genitori, per diventare genitori migliori, per stabilire le giuste differenze tra i ruoli di genitori e figli.

L’intervento di Don Mimmo Zambito

L’idea di una scuola di genitorialità è piaciuta molto ai genitori di Grotte. È piaciuto parecchio anche il modo in cui questi genitori dovrebbero iniziare a guardarsi, a sostenersi, ad aiutarsi come suggerito durante il suo intervento da Don Mimmo Zambito, teologo e giudice del Tribunale ecclesiastico. Non sarà facile contrastare gli effetti della digitalizzazione nelle relazioni familiari, ma questo non vuol dire che non ci si debba provare.

All’incontro erano inoltre presenti Don Salvatore Zammuto, Don Gaspare Sutera, Don Rosario Bellavia e il Sindaco di Grotte Alfonso Provvidenza.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Il piacere di scrivere – il sogno di pubblicare”

Agrigento, a "Le Fabbriche" seminario di scrittura creativa condotto da Roberto Alajmo

“Rahal Città del Sale e della Musica”

Racalmuto, dal 3 al 6 giugno al Teatro Regina Margherita la decima edizione del Concorso Nazionale per le Scuole Medie ad Indirizzo Musicale

“Come gestire le emergenze ostetriche”

E' il tema del convegno in programma ad Agrigento il 21 maggio

“Una Marina di Libri”, dal 6 al 9 giugno il Festival dell’Editoria Indipendente

Il 24 maggio al Parco Villa Filippina di Palermo la conferenza stampa di presentazione dell'edizione 2024. "Oltre i Confini" il tema di quest'anno