Fondato a Racalmuto nel 1980

Ha dedicato a Racalmuto anni di ricerche e di studi

IL RICORDO Giuseppe Nalbone, medico e storico. I suoi occhi sfavillavano quando arrivava lassù al Serrone, e guardava il paese dalla collina.

Il Prof. Giuseppe Nalbone

Quando arrivava lassù al Serrone e guardava il paese dalla collina, i suoi occhi sfavillavano. E davano riflesso al sentimento interiore di amore e passione grande per la terra delle radici. Perché se è vero che era nato a Palermo, il suo cuore è sempre stato a Racalmuto. E a Racalmuto Giuseppe Nalbone ha dedicato anni e anni di ricerche e di studi lasciate ai giovani.

Almeno questo era il suo intendo quando, nel 2004, alcuni di noi lo convinsero a pubblicare quel libro, Delle Chiese di Racalmuto, che a pieno titolo ormai lo inserisce degnamente nella tradizione di cultori di storia locale.

Da lassù, dunque, dal “belvedere” dei Nalbone, il professore guardava Racalmuto ed era felice. Ne conosceva vizi e virtù attraverso le centinaia di carte d’archivio impolverate che ha recuperato negli archivi locali e regionali, lasciando un enorme lavoro di memoria.

Mite e discreto, un vero galantuomo d’altri tempi, lo ricordo nelle lunghe passeggiate in campagna a raccontare storie e vicende del paese e dei paesani, tra tutti lo zio amatissimo, il gesuita Francesco Di Paola Nalbone, precursore di tanti illustri gesuiti racalmutesi (e a loro dedicammo addirittura un librettino, I Gesuiti di Racalmuto, pubblicato nel 2009).

Sapeva leggere antichi documenti: operazione delicata che applicò con la stessa onestà professionale di quando leggeva le radiografie. E si, perché Giuseppe Nalbone è stato prima di tutto un grande medico.

Si era laureato in medicina nel 1949 e poi specializzato in Radiologia medica e radioterapica. Intrapresa subito la carriera ospedaliera, nel 1967 diventa primario all’ospedale oncologico “Ascoli” di Palermo fino al 1989. È stato componente della Commissione regionale di programmazione per il piano sanitario di Radiologia e in quegli anni ha scritto e pubblicato una cinquantina di relazioni scientifiche. Non c’era racalmutese o grottese che non si rivolgeva al dottor Nalbone. E a Palermo, dove viveva, le porte della sua casa erano sempre aperte per i suoi “concittadini”.

I baffetti a fiammifero, tipici in quegli anni di grandi speranze per l’Italia tutta, lo rendevano ancor più elegante e signorile. Glielo dissi una volta, scherzando: da giovane somigliava più a Billy Gilbert o Clarke Gable? Rise quel pomeriggio d’agosto all’ombra dei pini del vialetto che conduceva alla sua casina rossa costruita dal nonno di cui sempre parlava con affetto e stima. Si accompagnava ad un bastoncino di olivastro tipico siciliano appartenuto, diceva, alla zio gesuita, il “papa nero”.

Un giorno me lo regalò, assieme a quattro volumi del 1833 di Metastasio che conservo gelosamente. Era così, Peppino Nalbone. Affettuoso e generoso. Un gran signore. E lo è stato con tutta Racalmuto. Spinto dalla ricerca genealogica della propria famiglia, inizia – subito dopo la pensione – una ricerca archivistica dedicata alla storia di Racalmuto e in particolar modo ai Del Carretto e ai luoghi sacri del paese. Con Calogero Taverna, anche lui attento osservatore della storia del paese, ha studiato attentamente il corposo archivio della Matrice i cui scritti man mano venivano pubblicati da Malgrado tutto.

Stregato, come tanti e fra tutti il fraterno amico Francesco Burruano, dalla contrada dove si rifugiava ogni estate (tanti ricordi sono stati fissati due anni fa nelle commoventi pagine di Capperi e ginestre, memorie familiari di Zina Morgante, nipote del professor Nalbone), alla fine degli anni ‘90 non fece mancare il suo appoggio agli amici Salvatore e Alberto Alessi che ripresero la festa nella piccola chiesetta dedicata alla Madonna del Serrone.

Il prof. Nalbone con Salvatore Picone e Padre Puma (foto Pietro Tulumello, 2003)

Dopo la pubblicazione del libro sulle Chiese, nel 2005 trascinò l’amico arciprete Alfonso Puma a riprendere in paese la festa e il culto della patrona Santa Rosalia. E tentò delicatamente e con tanto entusiasmo di mettere le mani al disordine dell’archivio storico del Comune. Fu bloccato e mortificato, purtroppo, dai vertici comunali che, tra il 2008 e il 2010, gli chiusero le porte in faccia. Da allora tornò a Racalmuto – di cui era cittadino onorario – solo poche volte.

Giuseppe Nalbone

Fece in tempo a donare a Don Diego Martorana un fazzoletto di terra per la costruzione della nuova chiesa, oggi luogo frequentato da tanti bambini, da famiglie e gruppi giovanili. E regalò agli alunni della scuola media il suo libro: “Spero – disse ai ragazzi – di sollecitare con le mie ricerche la vostra curiosità di conoscere tre secoli del passato racalmutese”.

Se ne è andato il 24 giugno del 2013. Riposa a Racalmuto accanto al nonno e al papà, nella cappella di famiglia. In autunno, nel centenario della nascita, lo ricorderemo a Racalmuto. E auspichiamo possa essere riordinato, una volta per tutte, l’archivio storico da intitolare certamente a lui. Un tributo d’affetto dal paese che fu per Giuseppe Nalbone rifugio sicuro dove, manzonianamente, il suo animo tornò sempre sereno.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri