Fondato a Racalmuto nel 1980

Confcommercio, Francesco Picarella nuovo Presidente della delegazione di Agrigento

Torna a ricoprire un ruolo all’interno della Confcommercio locale dopo l’esperienza amministrativa al Comune di Agrigento

Francesco Picarella

Francesco Picarella è il nuovo Presidente della delegazione di Agrigento di Confcommercio. Delegazione che rappresenta le imprese associate commerciali, turistiche e dei servizi oltre che della città capoluogo anche dei comuni di Aragona, Cattolica Eraclea, Comitini, Joppolo Giancaxio, Lampedusa e Linosa, Porto Empedocle, Realmonte e Siculiana.

Picarella torna a ricoprire un ruolo all’interno della Confcommercio locale dopo l’esperienza amministrativa al Comune di Agrigento.

“Siamo certi che la rinnovata presenza di Francesco Picarella – dichiara il Presidente Provinciale di Confcommercio Giuseppe Caruana – darà nuovo impulso affinché sotto la sua guida la delegazione di Agrigento possa svolgere un ruolo fondamentale nel supportare e rappresentare le imprese, affrontando le sfide e le opportunità che il contesto economico attuale e futuro ci propone…”.

“Appartenere a Confcommercio e avere la possibilità di sostenerne le istanze è un privilegio – commenta Francesco Picarella – sono convinto che sempre maggiore sarà l’accrescimento del processo di radicamento nel nostro territorio concorrendo al suo sviluppo_ ”.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.