Fondato a Racalmuto nel 1980

Aragona, una mostra fotografica racconta il duro lavoro dei minatori

E’ stata allestita nella sede della Camera del lavoro e sarà esposta il 23 febbraio

mmm

In occasione della intitolazione della Camera del Lavoro di Aragona in onore ai minatori sarà esposta una mostra fotografica che ritrae le loro condizioni inaccettabili di lavoro.

“Fotografie inedite che ritraggono i lavoratori seminudi senza disposizioni di protezione individuali mal pagati e spesso non pagati proprio – spiega il segretario della CGIL Alfonso Buscemi.

“Foto – aggiunge Buscemi – che ci fanno vedere le assemblee sindacali davanti l’entrata delle miniere e altre che ritraggano gli stessi in corteo per scioperare contro queste condizioni. Particolarmente significative alcune foto che ritraggono le donne in testa al corteo degli scioperanti e purtroppo altre che testimoniano lo strazio delle vedove e dei bambini orfani nelle cerimonie dei  funerali che seguivano gli incidenti in miniera”.

La mostra sarà esposta nella sede della Camera del lavoro di Aragona il 23 febbraio alle 17 durante l’intitolazione della sede locale della Cgil a Francesco Marotta, storico leader dei minatori e segretario della  locale sezione per alcuni decenni. Saranno presenti i vertici della CgilSicilia e del gruppo dirigente provinciale.

Nelle foto alcune immagini della mostra

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.