Fondato a Racalmuto nel 1980

“La dominazione romana ad Agrigento”

Incontro al Circolo Culturale Empedocleo su uno dei periodi più significativi della storia della città. L’iniziativa è promossa dal Circolo Culturale Empedocleo, AICS, BCsicilia e Epea.

“La dominazione romana ad Agrigento”, è il tema dell’incontro in programma al Circolo Empedocleo di Agrigento venerdì 20 febbraio  alle ore 17,00. Relatrice l’archeologa del Parco archeologico di Agrigento Valentina Caminneci, che illustrerà uno dei periodi più significativi della storia della città.

L’iniziativa è promossa da AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport), BCsicilia (Beni Culturali Sicilia), Epea (Ente per l’educazione permanente degli adulti) e dal Circoclo Empedocleo. “La dominazione romana ad Agrigento – scrivono in una nota i promotori – rappresenta un capitolo fondamentale della storia dell’isola, segnando un periodo di profonde trasformazioni sociali, architettoniche e culturali. L’analisi di questo periodo permette non solo di comprendere meglio l’evoluzione storica di Agrigento, ma anche di riflettere sull’eredità lasciata dai romani, ancora oggi visibile nel tessuto urbano e nelle tradizioni locali”.

L’incontro si inserisce nell’ambito delle iniziative promosse in vista del riconoscimento di Agrigento come Capitale della Cultura 2025, e mira a “riscoprire e valorizzare le radici storiche della Città dei Templi attraverso le conoscenze e le analisi degli esperti”.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.