Fondato a Racalmuto nel 1980

“Tumori cerebrali: aspetti clinici, diagnostici e innovazioni tecnologiche”

Incontro ieri ad Agrigento nella sede dell’Ordine dei Medici ed Odontoiatri. “Essenziale la velocità della diagnosi” 

Un momento dell’incontro. Da sinistra: Giovanni Cinquemani, Luigi Basile, Santo Pitruzzella, Rosa Avarello, Giovanni D’Ippolito

“Tumori cerebrali più frequenti: aspetti clinici, diagnostici e innovazioni tecnologiche”. Questo il tema al centro di un incontro svoltosi ieri nella sede dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Agrigento.

Obiettivo dell’incontro far conoscere ai medici, soprattutto ai medici di Medicina generale, l’Unità operativa complessa di Neurochirurgia dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta.

“I colleghi di questa unità operativa – spiega il Presidente dell’Ordine  Santo Pitruzzella – ci hanno sollecitato a trattare un argomento importante come i tumori cerebrali. Un argomento che interessa tutti i medici e, più in particolare, i medici di Medicina generale, prima frontiera per i cittadini, perché è assolutamente essenziale diagnosticare il tumore cerebrale precocemente. Quest’oggi – prosegue il presidente Pitruzzella – abbiamo avuto il piacere di ospitare anche il presidente di Omceo di Caltanissetta, Giovanni D’Ippolito, per sancire la collaborazione esistente tra tutti gli Ordini della Sicilia e, in particolare, quella relativa alla macroarea centrale della Sicilia, quindi Agrigento, Caltanissetta ed Enna, e creare un rapporto di partecipazione che ci consenta di dare la migliore risposta ai nostri pazienti”.

“Un interscambio di professionalità – aggiunge Giovanni D’Ippolito, presidente dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Caltanissetta – che unisce i nove Ordini siciliani e suggella la cooperazione tra gli Ordini di Agrigento, Caltanissetta ed Enna affinché ci sia, soprattutto nell’area centrale della Sicilia, la possibilità di lavorare in modo interdisciplinare tra le varie categorie dei medici. Sui tumori cerebrali c’è molto da dire ma è essenziale che i medici del territorio sappiano che a pochi chilometri esiste un Reparto in grado di dare risposte ai pazienti, ai cittadini di questa provincia che malauguratamente dovessero trovare nel loro percorso di vita il tumore cerebrale. Ecco, il dottore Basile e i colleghi di Neurochirurgia hanno le capacità professionali e strumentali per affrontare questa gravissima patologia”.

“E il primo passo per aggredire il tumore – spiega Luigi Basile, direttore dell’unità operativa complessa di Neurochirurgia al Sant’Elia – è proprio la velocità della diagnosi che nella patologia tumorale cerebrale è essenziale. Oggi abbiamo, grazie all’innovazione tecnologica, una serie di strumenti per individuare la presenza di una lesione, comprenderne le caratteristiche citologiche e quasi avere una diagnosi anche istologica della lesione che andremo a trattare chirurgicamente”.

“I tumori cerebrali possono essere benigni (meningiomi) e maligni (gliomi) – sottolinea Giovanni Cinquemani, dirigente medico in Neurochirurgia al Sant’Elia – I primi sono neoplasie che è possibile asportare e, nella maggior parte delle volte, garantiscono la guarigione. I gliomi, invece, sono tumori maligni e non è possibile assicurare una guarigione completa dopo l’asportazione del tumore. Questo evento formativo è importante per far vedere ai colleghi dell’Agrigentino quali progressi ha fatto la Neurochirurgia e, in particolare, cosa il neurochirurgo e la Neurochirurgia di Caltanissetta hanno a disposizione per garantire un intervento condotto in tutta sicurezza”.

L’ospedale di Agrigento non è provvisto di una unità operativa complessa di Neurochirurgia e il primario di Neurologia al San Giovanni di Dio, Rosa Avarello lancia un appello all’Asp: “Auspico che presto la nostra Asp si fornisca dell’unità operativa di Neurochirurgia così da snellire l’iter e trattare i pazienti con patologie tumorali nel proprio territorio. C’è da tenere in considerazione come il tumore cerebrale colpisca una grossa fetta di popolazione; riuscire a diagnosticare questi tumori precocemente è senza dubbio una priorità ed è importante trasferire il paziente nel reparto di competenza per essere trattato adeguatamente”.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Aggressioni al personale sanitario

Il Presidente dell'Ordine dei Medici di Agrigento: "Individuare ogni possibile deterrente per far sì che episodi di questo tipo non abbiano a ripetersi"

Aragona, una mostra fotografica racconta il duro lavoro dei minatori

E' stata allestita nella sede della Camera del lavoro e sarà esposta il 23 febbraio

“Di sicuro partimmo da lì, da quel Liceo Empedocle che…”

Ricordi. "Come ci si conosce al liceo, non ci si conosce da nessun’altra parte.."

“Storie d’argilla – La bottega del giovane vasaio”

Canicattì, domenica 25 febbraio Laboratorio gratuito per ragazzi all'Antiquarium Vito Soldano