Fondato a Racalmuto nel 1980

Fenomenologia dello studente suggeritore

Una particolarissima figura di studente

Angela Mancuso

In ogni classe è sempre presente una particolarissima figura di studente che assume un ruolo fisso, determinante e insostituibile: il suggeritore.

Il suggeritore è l’alunno incaricato di sedere accanto al compagno impreparato, confuso e disorientato per informare, ispirare, bisbigliare le risposte a domande che, altrimenti, getterebbero nel panico e nella disperazione chi è sottoposto a verifica orale.

Il suggeritore, al bisogno, si sposta tra i banchi con movimenti impercettibili, passo felpato e mimetizzazione da 007. Raggiunto il posto dove è stato chiamato a svolgere la sua missione si raggomitola su se stesso e si nasconde dietro le spalle del compagno seduto davanti.

Quest’ultimo, connivente e favoreggiatore, abbandona l’abituale posizione dormiente e si erge come una divinità greca raddoppiando la sua massa corporea. Di tanto in tanto una delle mani del suggeritore emerge dalle profondità oscure per cambiare la pagina del libro o sostituire il foglio con gli appunti di chi sta ripetendo la lezione. Il livello di professionalità cui può giungere il suggeritore è tale da riuscire ad eludere la sorveglianza anche del docente più sveglio e attento e la sua tecnica spesso arriva ad affinarsi al punto da riuscire a far giungere impunemente il suggerimento anche a chi sta svolgendo un esercizio alla lavagna.

Il suggeritore gode di venerabilità ed è tenuto dalla classe in grande considerazione, anche perché non di rado la sua figura coincide con quella dello spacciatore sottobanco di versioni di latino tradotte ed esercizi di matematica svolti. È importante che ogni classe individui e assegni la nomina in ruolo al più capace, al più “sperto” e al più eroico, essendo una professione che richiede sangue freddo e precisione chirurgica.

Per quanto riguarda la mia esperienza di docente interrogatrice, essendo io dotata di udito bionico e vista a raggi X, quasi sempre riesco a smascherare chi funge da suggeritore. Una volta che ne riporto il corpo alla luce, ne disattivo i poteri e ne neutralizzo la spirtizza, noto, però, che al povero studente sottoposto a verifica si scolorano il viso e le labbra, si blocca il respiro e si ferma il cuore. Mossa, allora, a pietà prendo io stessa il posto del suggeritore bisbigliando le risposte nel tentativo di salvare il salvabile. Nei casi più estremi io mi faccio le domande e io mi do le risposte.

Devo essere stata a metà tra un agente della CIA e Madre Teresa di Calcutta in una delle mie vite precedenti.

Articolo precedente
Prossimo articolo

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Ecco come è nato il mio Libro”

Ad Ucria la presentazione del libro L’eretico don Paolo Miraglia di Carmelo Sciascia. L' intervento dell’Autore

“Mafia di Casa nostra”

Rassegna letteraria "Sùrfaro", le foto dell'incontro con gli scrittori Carmelo Sardo e Gaetano Savatter

“La mia Racalmuto come Pamplona”

Un'intervista a Leonardo Sciascia realizzata da Giuseppe Troisi e pubblicata dal "Giornale di Sicilia" il 6 luglio 1986.

Premio Karkison 2024, si preannuncia una edizione “di alto livello”

Carmelo Cantone, organizzatore del Premio: "Non è semplice il lavoro della Giuria, ma siamo convinti che il pubblico apprezzerà e condividerà le decisioni”