Fondato a Racalmuto nel 1980

Fate pure shopping, ma lasciate a casa vostro marito

Credetemi, lo shopping è bello ma se lo fate con le vostre amiche

Valeria Iannuzzzo

Shopping, se avete avuto l’insana idea di farvi accompagnare dal vostro uomo le cose si complicano irrimediabilmente. Se siete state tanto folli da averlo coinvolto, non fatevi sensi di colpa, abbandonatelo subito all’entrata del centro commerciale o alla prima panchina disponibile.

Ripensandoci è meglio di no, sarebbe troppo crudele, meglio lasciarlo comodamente seduto al bar mentre sorseggia il suo caffè accompagnato da una buona fetta di cheese cake. Questa mi sembra la scelta più felice, ma anche la più collaudata secondo il parere di Daniela, una mia amica, che vanta a suo carico 13 anni di fidanzamento e 18 di matrimonio sempre con lo stesso uomo. Un tempo tanto lungo credo rappresenti una vera e propria garanzia in termini di acquisizioni di tecniche e strategie nella gestione degli uomini.

Ripeto non siate ostinate, rinunciate subito alla sua compagnia, perché anche se avete tentato di soddisfare tutti i suoi bisogni, accompagnandolo al bagno, al ristorante e poi al bar, vi assicuro che dopo il secondo negozio inizierà a lamentarsi, per le code, per la maleducazione delle persone, per il male ai piedi e così via. Dunque, mollatelo immediatamente, in questi casi l’abbandono non è un reato, anzi è un atto di grande d’amore. Eviterete al vostro uomo inutili sofferenze fisiche e psichiche, gli regalerete interminabili momenti di libertà e piacere da condividere con il suo amato smartphone o ancora meglio, sempre come suggerisce Daniela, fategli portare il tablet perché c’è sempre qualche partita da poter vedere o qualche gran premio da seguire. Anzi, siate brave strateghe, programmate lo shopping in concomitanza di uno di questi eventi, magari quello che prevedete possa essere vincente per la sua formazione. Vedrete che a fine giornata, anche se vi chiederà quanto avete speso, la sua reazione al conto sarà attutita dalle endorfine rilasciate per la vittoria della sua squadra o della sua scuderia.

Nonostante tutto insisto, abbandonatelo subito, rassegnatevi presto, perché comunque non vi sarebbe di alcun aiuto. Anche se in sua assenza avete provato decine e decine di abiti improbabili, restringendo la cerchia a due, giusto per non confonderlo, quando chiederete il suo parere, sappiate che pur di concludere prima possibile lo shopping vi direbbe che qualunque cosa vi sta bene, oppure che lui non ne capisce granché, o che è tutto troppo caro.

Non accanitevi contro di lui mostrando diverse prospettive del capo, troppe informazioni finirebbero per confonderlo ancora di più. Insomma, alla fine, sarete costrette a spararvi ugualmente infiniti selfie da inviare alle vostre amiche per un’eventuale consulenza, e il tempo scorrerebbe inesorabilmente dandovi l’impressione che le pareti del camerino diventino sempre più strette e roventi. A quel punto, nulla potrà più piacervi e i consigli condivisi in chat avrebbero poco presa su un corpo martoriato e una mente sfinita.

Credetemi, lo shopping è bello ma se lo fai con le tue amiche

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Ecco come è nato il mio Libro”

Ad Ucria la presentazione del libro L’eretico don Paolo Miraglia di Carmelo Sciascia. L' intervento dell’Autore

“Mafia di Casa nostra”

Rassegna letteraria "Sùrfaro", le foto dell'incontro con gli scrittori Carmelo Sardo e Gaetano Savatter

“La mia Racalmuto come Pamplona”

Un'intervista a Leonardo Sciascia realizzata da Giuseppe Troisi e pubblicata dal "Giornale di Sicilia" il 6 luglio 1986.

Premio Karkison 2024, si preannuncia una edizione “di alto livello”

Carmelo Cantone, organizzatore del Premio: "Non è semplice il lavoro della Giuria, ma siamo convinti che il pubblico apprezzerà e condividerà le decisioni”