Fondato a Racalmuto nel 1980

Ha raccontato con i suoi scatti oltre 50 anni di storia del suo paese

Stefano Arnone, il fotografo di Grotte che svolgeva il suo lavoro con grande passione e competenza.  

Stefano Arnone

Oggi dedichiamo la nostra “memoria” al fotografo Stefano Arnone, che ha raccontato con i suoi scatti oltre 50 anni di vita del suo paese, Grotte, sapendo anche cogliere momenti particolari da immortalare a futura memoria.

La notizia della sua scomparsa, avvenuta lo scorso 18 settembre, mi ha molto addolorato. Conoscevo bene Stefano Arnone. Tra gli anni Settanta e Ottanta ha accompagnato con le sue foto la mia attività di giovane giornalista e si capiva subito che amava il suo lavoro. Aveva studiato fotografia in Francia, dove era emigrato da giovane, per tornare poi a Grotte dove aveva aperto il suo studio fotografico.

“Pieno, per favore, e un controllo agli zoccoli”. Una foto di Stefano Arnone veramente particolare, scattata il 24 maggio del 1970

Il ricordo che conservo di lui è quello di una persona veramente speciale, che si contraddistingueva per garbo, gentilezza e disponibilità, svolgendo il suo lavoro con grande passione e competenza, serietà e professionalità.

Qualità che ha saputo tramettere ai figli Rino e Nuccio, che hanno seguito le orme del padre.

Rino, purtroppo, ci ha lasciato prematuramente nel 2013, Nuccio Arnone da tempo ha avviato a Grotte uno studio fotografico e dobbiamo a lui la ristampa delle foto che oggi pubblichiamo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

.

.

 

 

 

 

 

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Tacito Silenzio”

Alla Prefettura di Agrigento la presentazione del libro di Armando Caltagirone

Lamanna a Gibellina. Il nuovo episodio di Màkari

Nell'episodio in onda domenica 25 febbraio, il trio di Saverio Lamanna, Peppe Piccionello e Suleima vanno a Gibellina. E devono indagare su un caso tra passato e presente

Agrigento festeggia San Gerlando

Una festa che coinvolge tutta la diocesi e la città

“Solo una donna”

Il racconto della domenica