Fondato a Racalmuto nel 1980

Lo “zufolaio di Regalpetra”

Francesco Angelica Falco Abramo, i suoi “friscaletti” dei pezzi veramente unici

Francesco Angelica Falco Abramo

Il Re del folklore siciliano, sua maestà il friscaletto. Così Francesco Angelica Falco Abramo, l’artigiano artista di Racalmuto, chiama le sue opere. Si perché lo “zufolaio di Regalpetra” non si limita solo a realizzare squillanti ed intonatissimi strumenti richiesti dai più bravi contemporanei “friscalittara” di Sicilia. Dita e coltello ne cura con passione l’estetica, non trascurando di realizzare anche delle belle e raffinate custodie in legno dal gusto antico.

Così l’umile strumento di origine bucolica che, prima di diventare principale della nostra tradizione folklorica, nelle campagne dava sollievo ai pastori durante le ore di pascolo passate in solitudine, diventa nelle mani di Falco Abramo un oggetto prezioso. Raffinati intagli praticati su canne stagionate o legno d’ulivo, se non di ebano, in cui spesso applica anche delle luccicanti vere di ottone, dettagli che rendono i suoi “friscaletti” dei pezzi veramente unici.

Insomma un Geppetto nostrano le cui creature non sembrano comunque mentire, anzi sfavillano la verità del suono di Sicilia. In realtà il nesso del fischietto siciliano con Racalmuto ha un legame lontano. Se pensiamo che uno dei fondatori di questo giornale, il Dottor Giancarlo Macaluso, prima di essere il valente giornalista che molti leggono nelle pagine del Giornale di Sicilia, è stato fra i più bravi e richiesti friscalettai degli anni 80. Mitiche le sue tarantelle eseguite in tutti i palchi del mondo con dei virtuosismi unici, suonate in contemporanea con ben due fischietti.

Che fiato e che orecchio possedeva da “fiscalettaro” il nostro bravo Macaluso. Erano tempi in cui in Sicilia primeggiavano i Faro e i Privitera di Catania. Infatti occorreva recarsi nel quartiere di Lineri per trovare un buon fischietto, della giusta tonalità del Do o del più caldo La.

Oggi invece tanti musicisti siciliani scelgono gli zufoli di Racalmuto per le loro mazurche. Anche i tutorial del nostro maestro artigiano spopolano su You Tube, filmati in cui spiega passo dopo passo tutte le fasi di realizzazione di un buon “friscaletto”; video che  hanno raggiunto quasi 50.000 visualizzazioni.

Che dire: “mentri lu sceccu la paglia rusica, maestru musica”

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Tacito Silenzio”

Alla Prefettura di Agrigento la presentazione del libro di Armando Caltagirone

Lamanna a Gibellina. Il nuovo episodio di Màkari

Nell'episodio in onda domenica 25 febbraio, il trio di Saverio Lamanna, Peppe Piccionello e Suleima vanno a Gibellina. E devono indagare su un caso tra passato e presente

Agrigento festeggia San Gerlando

Una festa che coinvolge tutta la diocesi e la città

“Solo una donna”

Il racconto della domenica