Fondato a Racalmuto nel 1980

“Ricordando Antonella e le altre…”

Raffadali, un flash mob per dire “No” alla violenza sulle donne e “Basta” al femminicidio.

“Ricordando Antonella e le altre…”, è l’iniziativa in programma a Raffadali sabato 25 novembre nella ricorrenza della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Alle 16 la scalinata della Chiesa Madre si colorerà del rosso delle scarpe che verranno deposte sui gradini nel ricordo di Antonella Ferro, vittima di femminicidio, uccisa nel marzo del 2000.

«Per dare voce alle donne vittime di violenza – dice Stella Vella, ideatrice dell’evento – è nata l’idea di dare un segno attraverso un flash mob in cui ogni partecipante deporrà un paio di scarpe rosse per fare memoria e ricordare le donne uccise in questi anni. Verranno contestualmente letti i nomi di tutte le vittime di femminicidio partendo da Antonella e poi via via scorrendo fino a giungere a questi giorni. I nomi delle vittime saranno intervallati dalla lettura di poesie”.

Il nostro intento – sottolinea Stella Vella – è di “celebrare la donna” la cui morte riesce a dare più forza alla vita di quelle che restano, acquisendo quel coraggio necessario a denunciare e la consapevolezza di uscire da una storia sbagliata. Un grazie per la collaborazione e il prezioso aiuto a Giovanna Galvano, Cinzia Galvano, Mirella Gulisano, Marinella Notonica, Antonella Vecchio e Nadia Vella, ognuna ha dato un prezioso contributo, ciascuna con le proprie competenze».

L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Raffadali e dalla Biblioteca comunale.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Aggressioni al personale sanitario

Il Presidente dell'Ordine dei Medici di Agrigento: "Individuare ogni possibile deterrente per far sì che episodi di questo tipo non abbiano a ripetersi"

Aragona, una mostra fotografica racconta il duro lavoro dei minatori

E' stata allestita nella sede della Camera del lavoro e sarà esposta il 23 febbraio

“Di sicuro partimmo da lì, da quel Liceo Empedocle che…”

Ricordi. "Come ci si conosce al liceo, non ci si conosce da nessun’altra parte.."

“Storie d’argilla – La bottega del giovane vasaio”

Canicattì, domenica 25 febbraio Laboratorio gratuito per ragazzi all'Antiquarium Vito Soldano