Fondato a Racalmuto nel 1980

“Il Canto d’Amore e le musiche popolari della tradizione siciliana”

Agrigento, al Teatro dell’Efebo lo spettacolo del Gruppo di Canto Popolare Favarese

Gruppo di Canto Popolare Favarese

Una delle tradizioni musicali siciliane più antiche, più popolari e più romantiche della nostra gente, è stata la serenata.

Ed è a questa antica tradizione musicale che rende omaggio lo spettacolo del Gruppo di Canto Popolare Favarese “Il Canto d’Amore e le musiche popolari della tradizione siciliana”, in programma il 29 settembre, alle 20, al Teatro dell’Efebo di Agrigento.

Sul palco: Antonio Zarcone, canto e chitarra acustica; Domenico Pontillo, mandolino e mandola; Angelo Sanfilippo, fisarmonica; Roberto Puccio, chitarra classica; Adriano Carnabuci, percussioni.

“Lo serenata – spiega Antonio Zarcone, ricercatore e autore di brani inediti – era considerata l’unico modo per comunicare il proprio amore verso la ragazza desiderata. Il gruppo di canto popolare favarese ha presentato questo spettacolo nella splendida cornice sul lago di Garda della città di Verbania. Si tratta di un revival che comprende suoni canti e melodie dell’isola con strumenti della tradizione popolare”.

La serata è a ingresso gratuito con 500 posti a sedere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedente
Prossimo articolo

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Quando agli Esami di Stato arrivava l’ora X

Rinunciavi magari a svuotare la vescica per dare più tempo a pescare senza occhi vigilanti i temi che pensavi potessero servire. Ed in quel momento la magia si faceva concretezza

Storie che provengono dal Mediterraneo

La Giornata Mondiale del Rifugiato a Palma di Montechiaro

“La voglia e il desiderio di sognare”

Concorso Letterario Nazionale "Raccontami, o musa". “Fabbricanti di sogni" il tema dell'ottava edizione. Il Bando

Racalmuto festeggia San Calogero

Domenica 23 giugno un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco