Fondato a Racalmuto nel 1980

Silvano Messina. “Il Passaggio del Testimone”

Lo scrittore racalmutese ci racconta come è nato il suo nuovo romanzo storico. “A rileggere un libro compiuto – dice – provo la sottile soddisfazione di avere fatto una buona azione”.

“Il Passaggio del Testimone” (Book Sprint Editore) è il nuovo romanzo storico di Silvano Messina. Ne parliamo con l’autore.

“I fatti descritti – spiega Messina – coprono un arco temporale di 100 anni – l’800 del mio paese di origine, Racalmuto, conosciuto ormai in letteratura col nome di Regalpetra. Ho avuto il piacere di calarmi nel dinamismo storico del latifondo siciliano e di descrivere il passaggio di potere dalla nobiltà alla borghesia e da questa alla mafia. Come in altri miei romanzi del passato, ho cercato di ridare anima a personaggi che ancora sono sulla bocca dei miei compaesani”.

Come nasce l’idea di questo libro?

“L’ottocento io lo definisco il “Rinascimento” del mio paese. Credo di tutta la Sicilia, nonostante poi i risvolti negativi. I protagonisti di quell’epoca sono ancora motivo di conversazione. Ne sono testimonianza le opere architettoniche e urbanistiche che ci hanno lasciato in eredità e i loro sontuosi palazzi. Purtroppo, tra le dicerie, come avveniva in tutta la Sicilia occidentale in particolare, circolano anche i contrasti – in alcuni casi vere e proprie faide – tra quei personaggi illustri. Nella strada dove abitavo da bambino campeggia il palazzo del barone Tulumello, la cui famiglia ha attraversato tutto il secolo lungo sempre in prima fila, nemica giurata della famiglia Matrona, della quale il più illustre è stato Gaspare Matrona, il vero artefice di quel citato Rinascimento. Il tentativo di approfondire la storia di questi uomini insigni o di un monumento si è convertito nella decisione di scrivere il libro”.

Perché questo titolo?

“Una volta acquisite le vicende di quel periodo del mio paese, attraverso notizie storiche, anche documentali, attinte da più parti (testo guida “Racalmuto nella storia della Sicilia” di Eugenio Napoleone Messana), il titolo mi è sembrato una diretta conseguenza. Premetto che la narrazione storica del libro ha solo un fondo di verità. Le vicende e i rapporti dei vari personaggi sono coloriti dalla mia fantasia. Insomma non ho la velleità di avere scritto, come può succedere per ogni romanzo, una vera e propria opera storica. Lascio a chi di competenza la ricerca della verità storica, che per me non è mai assoluta. A me basta la soddisfazione di avere riportato alla luce avvenimenti che il tempo, prima sbiadisce e poi cancella e di avere messo in risalto l’etnologia del tempo. Spero di essere riuscito nell’impegno di rendere un servigio, prima di tutto, alla comunità racalmutese e poi alla società”.

Silvano Messina

Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

“Scrivere è dare libero sfogo al proprio modo di pensare, al modo di vedere la realtà e, non senza velleità o speranza, al tentativo di riequilibrare i tanti gap che opprimono la società contemporanea. A rileggere un libro compiuto provo la sottile soddisfazione di avere fatto una buona azione”. 

Quando e perché ha deciso di iniziare a scrivere? 

“Quando ho deciso di mettere per iscritto le vicende e i personaggi della mia famiglia per evitare che se ne perdessero le tracce. Dato che facevano parte della Cultura tradizionale, da quel momento ho voluto approfondirne i temi che, insieme ai protagonisti della mia famiglia, tendevano a scomparire. In seguito i valori perduti della Cultura Tradizionale sono diventati termini di paragone positivi nel descrivere il caos sociale della nostra società liquida”.

Ebook o cartaceo?

“Forse perché faccio parte di un’altra generazione, ma ho sempre avuto difficoltà a concentrarmi nella lettura davanti a uno schermo di qualsiasi natura. Quando vedo qualcuno che in treno o in aereo legge un libro nel tablet, mi chiedo come riuscirà a collegare in una successiva lettura ciò che ha letto nella precedente. Per me la lettura significa estraniarmi dal mondo circostante, identificarmi col personaggio che sta compiendo un’azione, con l’autore che sta cercando, tramite un dialogo, di veicolare un messaggio. Per fare tutto questo occorre la massima concentrazione”.

Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

“Per quanto espresso a proposito dell’Ebook, parere completamente negativo. Un libro si legge. Si ascoltano solo le favole; ma ciò avviene in un’epoca remota dell’esistenza di un uomo”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Agrigento, nasce il Centro di Ascolto per persone con problemi di ludopatia e sovraindebitamento

Verrà presentato il 26 aprile al Palazzo vescovile di Agrigento nel corso del convegno sul tema “Disturbo da gioco d’azzardo e sovraindebitamento”. 

Allergie, come prevenire i sintomi e le complicanze

Se ne parla nello Speciale Medicina di Simona Carisi in onda su Teleacras

Acqua, la paura di vivere il già vissuto

"Senz’acqua non si può vivere. E se dovessi scegliere tra cultura e acqua non avrei alcun dubbio di dire ACQUA"

In moto alla scoperta dei Borghi più Belli della Sicilia

"Wonder Italy" fa tappa a Sciacca, Realmonte, Aragona e Agrigento