Fondato a Racalmuto nel 1980

La “vittoria” di Bianca Maria

Nata ad appena 27 settimane di gestazione, Bianca Maria, dopo sei mesi di degenza in ospedale, è adesso a casa. I genitori: “I medici dell’Utin dell’ospedale Cervello sono degli angeli” 

Nella foto la piccola Bianca Maria, i genitori e Margherita La Rocca Ruvolo

“Anche in Sicilia ci sono in molti casi punte di eccellenza nella sanità, una di queste è sicuramente il reparto di Neonatologia dell’ospedale Cervello di Palermo diretto dal dottor Fabio Giardina. La storia di Bianca Maria, nata ad appena 27 settimane di gestazione grazie a una equipe esperiente e competente, ne è una testimonianza”.

A condividere e rendere nota questa storia è Margherita La Rocca Ruvolo, deputata regionale e sindaco di Montevago, che ringrazia e si congratula, insieme a Vanessa e Gianfranco, genitori di Bianca Maria, con i medici per quanto hanno fatto.

“18 febbraio 2023 alle 00.41 – raccontano i genitori – nel silenzio più assoluto viene alla luce Bianca Maria, poco più di 600 grami e lunga solo 25 cm. Grazie ad un’intuizione di un ginecologo dell’ospedale Cervello nasce d’urgenza a pochissime settimane di gestazione, appena 27. Viene portata d’urgenza all’Utin dell’ospedale cervello dove passerà i suoi primi cinque mesi e mezzo di degenza. Un percorso lungo e tortuoso fatto di ostacoli, una montagna russa. La vita per questi estremi prematuri è sempre legata ad un filo sottile, tante sfide, tante battaglie; non sono guerrieri, sono vichinghi. Tutti i genitori vorrebbero per i loro figli un ingresso trionfale al mondo, fatto di palloncini, sorrisi e coccole. Per Bianca Maria non è stato così, è stata catapultata sul campo di battaglia, come una valchiria. Ma in questa battaglia ha trovato degli angeli, ha trovato chi ha combattuto con lei, fino alla vittoria.

Un reparto fatto di eccellenze, con alla guida il primario Fabio Giardina. Un reparto di angeli, che con la loro massima professionalità e umanità hanno dato a Bianca Maria e ai suoi genitori la forza per combattere, con l’aiuto di Dio sono riusciti nel miracolo, sì perché Bianca Maria è un miracolo, è la prova che i miracoli esistono. Quasi sei mesi di degenza, alternando lacrime e sorrisi, momenti si e momenti no, ossigenoterapia, tubi, monitor, spie e allarmi unico filo conduttore però è stata la speranza. La speranza di un futuro per la piccola tanto attesa e la sua famiglia, la speranza di vederla fuori pericolo e a casa con i suoi genitori. Questo vuol essere un messaggio di speranza, rivolto a tutte le famiglie che affrontano abissali sconforti che riguardano le nascite di bimbi estremamente pretermine; la speranza, la fede e un eccellente staff ospedaliero fanno la differenza. Saremo sempre grati, a Dio e a tutto lo staff dell’Utin dell’ospedale Cervello. In una regione dove si parla solo di cattiva sanità e di errori medici, l’Utin dell’ospedale Cervello risulta un’oasi d’eccellenza”.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri