Fondato a Racalmuto nel 1980

In arrivo 100 nuovi medici italo-argentini negli ospedali della provincia di Agrigento

Il Commissario Asp Mario Zappia: “Siamo ben consapevoli della consistenza del problema legato alla carenza di personale sanitario nei nostri ospedali..”

Un momento dell’incontro alla “Cittadella della Salute”

“Si lavora a ritmi intensi all’ASP di Agrigento per far sì che un corposo numero di medici italo-argentini, oltre un centinaio, possa prendere presto servizio nei diversi reparti degli ospedali della provincia contribuendo a potenziare gli organici e sopperendo alla difficoltà, ormai cronica sul piano nazionale, di reclutare nuovi professionisti”.

E’ quanto comunica l’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento. Si legge, inoltre nella nota: “Ieri mattina presso la Cittadella della Salute il commissario straordinario dell’Azienda, Mario Zappia, ha incontrato i sindaci di Agrigento e Ribera, rispettivamente Francesco Micciché (che era delegato anche dal sindaco di Sciacca) e Matteo Ruvolo, l’assessore alla sanità del Comune di Licata, Maria Sitibondo e, in generale, i rappresentanti delle amministrazioni dei Comuni ove ricadono i presidi ospedalieri provinciali durante un incontro-confronto programmatico finalizzato ad appianare ogni difficoltà pratica ed operativa per accelerare l’arrivo in corsia dei nuovi medici. Al tavolo della conferenza dei servizi erano presenti anche i direttori sanitari di ciascun ospedale che hanno messo nero su bianco tutte le carenze che assillano i propri ospedali e che sono state consegnate alla Direzione Generale per dare avvio ai provvedimenti successivi. E’ stata fondamentale la presenza dei primi cittadini che si sono impegnati concretamente a sostenere l’Azienda facilitando, fra l’altro, anche i processi burocratici per l’acquisizione anagrafica delle residenze e la ricerca di abitazioni idonee ad ospitare il personale medico”.

“Siamo ben consapevoli della consistenza del problema legato alla carenza di personale sanitario nei nostri ospedali – dice a margine dell’incontro il Commissario dell’Asp Mario Zappia – e non ci conforta di certo il fatto che le criticità non riguardino soltanto la provincia di Agrigento ma tutto il territorio nazionale. E’ per questo che, quotidianamente, siamo impegnati nel cercare ogni possibile soluzione per potenziare le dotazioni organiche considerando prioritario ogni sforzo per incrementare il numero dei professionisti in servizio. Nutriamo fiducia nel fatto che la scelta odierna, quella di ricorrere ad un corposo contingente di medici italo-argentini, possa rappresentare una svolta significativa….Vale la pena precisare che i nuovi sanitari non sono medici alle prime armi ma professionisti affermati, di età compresa fra i 38 e i 50 anni, in grado di incrementare la qualità delle prestazioni erogate, in possesso di più di una specializzazione e che hanno espresso un vivo desiderio di intraprendere questa nuova avventura non soltanto per ambizione professionale ma soprattutto per  ritrovare le proprie origini italiane, nella terra dei loro avi, dove vogliono vivere e far crescere i loro figli”.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri