Fondato a Racalmuto nel 1980

“Ti ricordo, Sicilia”. Scianna e la sua isola

Fino al 20 ottobre al Castello Ursino di Catania la mostra di Ferdinando Scianna: “Io guardo in bianco e nero, penso in bianco e nero. Il sole mi interessa soltanto perché fa ombra”. Le foto di Angelo Pitrone raccontano l’anteprima della mostra alla presenza del grande fotografo

Ottanta fotografie tanti quanti i suoi anni. Una mostra interamente dedicata alla Sicilia segna il ritorno nell’isola di Ferdinando Scianna, il grande fotografo che il 22 giugno ha partecipato all’anteprima della mostra curata da Paola Bergna e Alberto Bianca, promossa e prodotta dal Comune di Catania e Civita Sicilia.

Ti ricordo, Sicilia è un vero e proprio viaggio che permette al visitatore, attraverso soggetti, immagini, luoghi, riti, festività e usanze, di conoscere ed esplorare la terra tanto cara al fotografo.

Una sezione della mostra è dedicata a Leonardo Sciascia al quale Scianna fu legato da una profonda e stretta amicizia. Per il fotografo lo scrittore di Racalmuto è stato un “padre”, un mentore, un maestro.

“Fotografare la Sicilia per me è quasi una ridondanza verbale – ha detto Scianna – Ho cominciato a fotografare intorno ai diciassette anni e la Sicilia era là”.

L’INTERVISTA A FERDINANDO SCIANNA DI SALVATORE PICONE

FERDINANDO SCIANNA “I miei ottant’anni nell’isola della luce e dell’ombra”

GUARDA LE FOTO 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.