Fondato a Racalmuto nel 1980

“Marina di Libri un polo di attrazione culturale per tutti”

Si è conclusa ieri la quattordicesima edizione del Festival del Libro e dell’Editoria Indipendente. Il direttore letterario Gaetano Savatteri: “Siamo il terzo polo fieristico editoriale d’Italia”. La direttrice artistica Maria Giambruno “Un’edizione entusiasmante. Uno straordinario successo”.

Parco Villa Filippina Palermo. Una Marina di Libri. Foto di Angelo Pitrone

Si è chiusa ieri, con ventimila ingressi, la quattordicesima edizione di Una Marina di Libri, il festival dell’editoria indipendente, che si è svolto quest’anno sotto la direzione letteraria di Gaetano Savatteri e artistica di Maria Giambruno. Il fascino dell’eresia il tema dell’edizione 2023

Tanti gli appuntamenti e gli argomenti discussi nelle quattro giornate del Festival, che si è svolto per il terzo anno consecutivo a Parco Villa Filippina a Palermo. Gli ospiti arrivati da tutta Italia si sono confrontati su vari argomenti: dalla cultura al femminile al sociale, dai temi legati all’attualità alla giustizia, dalla comunicazione alla politica, dalla storia al cinema, dal teatro all’ambiente, dalle disabilità all’inclusione, dalla criminalità alla mafia, ma si è anche parlato di formazione, di scuola e università. Una parte del programma, curato dalla libreria Dudi e indirizzato all’infanzia, ha portato a Una Marina di Libri centinaia di bambine e bambini che, attraverso giochi, mostre estemporanee e laboratori didattici, hanno seguito con attenzione le varie attività avvicinandosi così alla lettura.

Pubblico numeroso per alcuni degli appuntamenti in programma, tra i più seguiti l’incontro con Alessandro Barbero che, grazie alla casa editrice Sellerio, ha portato a Palermo il romanzo Brick for ston, ad assistere alla presentazione, un pubblico proveniente, anche con pullman, da tutta la Sicilia.

Tra le firme note della letteratura italiana presenti alla 14esima edizione di Una Marina di Libri e che hanno raccolto consenso da parte di lettori e lettrici: Niccolò Ammaniti, Antonio Manzini, Gianrico Carofiglio, Catena Fiorello Galeano, Chiara Valerio, Azzurra Rinaldi, Sergio Del Molino, Marco Steiner, Fabrizio Paladini, Silvana La Spina e Fulvio Abbate, ampio anche il parterre degli autori siciliani Calogero Pumilia, Vito Lo Scrudato, Tina Montinaro, Mario Incudine, Accursio Sabella, Angelo Pitrone. Particolare l’apporto degli artisti presenti che hanno portato il teatro all’interno della Manifestazione: Salvo Piparo, Angelo Sicilia, Vincenzo Lalia, Francesca Vaccaro, Tommaso Gioietta, Alice Ferlito, Lucina Lanzara,  Luana Rondinelli & I Musicanti di Gregorio Caimi, solo per citarne alcuni.

Gaetano Savatteri. Foto di Angelo Pitrone

“Noi – dice Gaetano Savatteri – siamo il terzo polo fieristico editoriale d’Italia –  attraverso un percorso che parte dal Lingotto di Torino con Il Salone del Libro, da Roma con Più libri più liberi alla Nuvola, e arriva a Palermo con Una Marina di Libri. La rassegna allestita all’aperto, in pieno centro città, in un luogo ricco di fascino e bellezza incanta gli ospiti che arrivano da fuori Sicilia. Quest’anno – aggiunge il direttore letterario di Una Marina di Libri – la fiera si è arricchita di ulteriori nomi che hanno accettato il nostro invito, proprio perché Una Marina di Libri, è diventata un polo di attrazione culturale per tutti. E ci piacerebbe che se ne accorgessero anche le Istituzioni. Una Marina di Libri è una macchina complessa ed ha bisogno dell’appoggio non solo degli editori, che anno dopo anno ci stanno accanto credendoci, e che ringraziamo, dei partner e degli sponsor privati che in questa edizione sono stati tantissimi, ma sarebbe bello che ci fosse anche una programmazione politica che tenga conto di una realtà importante come la nostra”.

L’edizione appena conclusa ha visto tornare in campo Maria Giambruno che, da ideatrice della rassegna, ha curato la direzione tecnica e i rapporti con il mondo delle arti. Un connubio, quello con Savatteri, che ha reso ancora più ricca e gioiosa la manifestazione: una kermesse all’insegna della contaminazione, che ha abbracciato tutto ciò che gira intorno alla parola scritta e recitata, con oltre 200 appuntamenti tra presentazioni, dibattiti, incontri e spettacoli.

“Si è appena conclusa un’edizione entusiasmante – sottolinea Maria Giambruno che riporta Una Marina di Libri ai suoi anni migliori. Uno straordinario successo che, in questi quattro intensissimi giorni di Festival, ha fatto definire al pubblico una Marina di Libri come il Capodanno della Cultura. Una gratificazione che testimonia la bontà di un lavoro di squadra e conferma come il format e le scelte stilistiche adottate definiscano un modello vincente in cui all’idea della Fiera degli editori si affianca un Festival sempre più aperto ai linguaggi del contemporaneo con un occhio attento ad arte, fotografia, teatro, cinema, musica. Un successo testimoniato dagli editori che hanno registrato un incremento delle vendite. Da parte nostra – conclude –  la volontà di rafforzare ancora di più i collegamenti con festival ed eventi regionali di rilievo perché Una Marina di Libri sia sempre più una vetrina delle eccellenze della nostra terra”.

Una Marina di Libri. Foto di Angelo Pitrone

Per il presidente del CCN Piazza Marina & Dintorni, Giuseppe Veniero: “Una grande sfida raccolta e vinta nell’interesse della valorizzazione culturale e turistica della Città e della Sicilia”.

Per la prima volta presente a Una Marina di Libri anche il Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni). Il presidente Andrea Peria Giaconia, afferma: “Il Corecom Sicilia, unitamente alla Regione siciliana e all’Ars, con la sua partecipazione a una manifestazione prestigiosa e di rilievo nel panorama culturale siciliano come Una Marina di libri, ha avuto modo di stare a stretto contatto col territorio e coi cittadini presentando la piattaforma Conciliaweb, che risolve in modo semplice e gratuito le controversie con gli operatori delle telecomunicazioni. Presente anche l’Agcom, con uno dei suoi dirigenti, l’avvocato Cotugno, ideatore della piattaforma, che ha partecipato insieme ad esponenti del mondo dell’imprenditoria come Confindustria, Camera di Commercio di Palermo ed Enna, dell’avvocatura e del Comune di Palermo, a un dibattito che ha messo in luce i trend delle procedure di conciliazione”.

Tra i libri  presentati nella giornata conclusiva “Agrigento Intima”, di Angelo Pitrone, Edizioni Medinova. Ne hanno parlato con l’autore Gaetano Savatteri e Antonio Liotta, ha coordinato Salvatore Picone.

Un momento della presentazione del libro di Angelo Pitrone Agrigento Intima. Foto di Maria Concetta De Marco

Durante l’incontro è stato eseguito da Maurzio Piscopo, alla fisarmonica, e da Salvatore Maria Sclafani, al mandolino, “L’occhio del fotografo”, il brano che Maurizio Piscopo ha dedicato ad Angelo Pitrone.

Un momento della presentazione del libro di Angelo Pitrone “Agrigento Intima”. Foto di Maria Concetta De Marco

Il manifesto dell’edizione 2023 è firmato da Max Serradifalco (Meta Land Art 4 Grande Cretto, 2016, fotografia satellitare con filtro grigio).

Il Festival del libro è organizzato dal Centro Commerciale Naturale Piazza Marina & Dintorni, insieme a Navarra Editore e Sellerio Editore e la collaborazione dell’Università degli Studi di Palermo e di Parco Villa Filippina. Le attività dell’infanzia sono coordinate da Maria Romana Tetamo per la Libreria Dudi.

Il comitato scientifico di Una Marina di Libri è composto da Masha Sergio, Matteo Di Gesù e Salvatore Ferlita.

 

Articolo precedente
Prossimo articolo

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri