Fondato a Racalmuto nel 1980

Ogni luogo per lui era un palcoscenico

Franco Catalano, una vita da artista

Franco Catalano fotografato da Angelo Pitrone

Lo ricordo bene, raggiante, orgoglioso, negli studi televisivi di Primarete essere intervistato nel 1990 per l’Oscar al film Nuovo cinema paradiso. Quel premio apparteneva anche a lui, attore del cast di quel capolavoro di emozioni del cinema italiano di Giuseppe Tornatore che lo chiamerà anche per Malena.

Ho incontrato Franco Catalano all’apice della sua carriera artistica, divisa tra il cabaret, il teatro di prosa, la televisione e, appunto, il cinema. Frequentava tanto Agrigento. Ma era originario di Casteltermini, paese che ha dato i natali a Michele Guardì, Enzo Di Pisa, Fabrizio Giuliano. In quegli anni l’ho incrociato spesso, a partire da una mia piccola partecipazione al cortometraggio Si cunta, si canta e si raccunta per Rai Tre, alla fine degli anni Ottanta, Franco era il protagonista dello sceneggiato così come di altri sceneggiati televisivi per Rai Tre: Ragazzi di zolfoLa corda pazzaGiufàContro la piovra.

In tanti ricorderanno le sue apparizioni nella storica trasmissione televisiva Drive in di Antonio Ricci, su Italia Uno, comico tra i migliori comici di allora. E poi in tantissimi spettacoli, in Italia e all’estero, dove amava mettere in scena la maschera a cui era molto legato: Giufà, tra dolce e amaro, tra risata e malinconia. Faceva ridere e commuovere. Perché Franco Catalano non era solo un attore comico. Aveva dentro tutte le altre corde, poetiche, surreali, anche quelle drammatiche e collaborava con tutti i più grandi artisti, registi e operatori culturali della provincia di Agrigento (gli amici attori di Sciacca di TeatrOltre gli hanno dedicato una rassegna di teatro comico).

Franco Catalano fotografato da Angelo Pitrone

Era molto legato alla sua terra, alle sue tradizioni, alla sua realtà, alle sue potenzialità, ai suoi amici, a chi credeva in lui. .

Ricordo i suoi legami, le sue amicizie e le sue collaborazioni artistiche con Antonio Zarcone, Enzo Alessi, Giovanni Moscato, l’autore e regista Mario Gaziano  (che nel 2001 gli ha dedicato il libro Franco Catalano: una vita da artista: gli esordi, il cabaret, la radio e la televisione, il teatro popolare, il cinema). E poi i Dioscuri, Berta Ceglie, Nellina Laganà, Fabrizio Giuliano, Carmelo Rappisi, Nenè Sciortino, il Gruppo Popolare Favarese, Tonina Rampello, e tanti, tantissimi altri.

Franco Catalano amava recitare, stare sulla scena, rallegrare ogni compagnia, trasmettere le sue emozioni, con le parole, con la sua caratteristica mimica, con le sue maschere. Per lui era un fatto naturale e un dono. Ogni luogo, nella vita reale, per lui era un palcoscenico ed era felice. Le luci del palcoscenico lo accendevano, gli davano vita, animavano i suoi tanti personaggi. L’arte drammatica l’aveva nel sangue e ha recitato fino a quando le condizioni di salute glielo hanno consentito. Ricordo la sua preoccupazione, la sua malinconia, la sua crescente sofferenza degli ultimi anni con il pensiero fisso ai suoi più cari affetti.

Il nome di Franco Catalano rimarrà per sempre nell’albo degli artisti agrigentini più illustri e conosciuti in Italia, e non solo. E nel cuore di chi lo ha amato e continua ad amarlo.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri