Fondato a Racalmuto nel 1980

Canicattì, la “Notte dei licei”

Ieri sera, al “Foscolo”, teatro e riflessioni di docenti e studenti sulla Sicilia e la cultura greca

Un grande successo ieri la Notte nazionale del liceo classico “Ugo Foscolo” di Canicattì. La serata, aperta con la lettura del messaggio del professor Schembra, ideatore di questo appuntamento che vede impegnati in rete tutti i licei classici da nord a sud, ha visto gli studenti alternarsi in momenti di lettura di brani classici, riflessioni sulla cultura della Magna Grecia, anche attraverso la gastronomia, presentazioni di video sull’influsso della lingua greca sul dialetto, riflessioni sulla guerra alla luce della saggezza classica.

Ospite d’onore della serata, Salvatore Nocera Bracco, medicartista che ha dedicato la sua ricerca artistico-esistenziale al tema dell’identità della nostra terra. Quest’anno, infatti, il tema, scelto per questa serata dedicata al liceo classico, è stata la Sicilia.

La kermesse è culminata con il saggio teatraleSi cunta e s’arricunta” per la regia della docente Carla Carafa, che è riuscita a coinvolgere e trasferire a tutti gli alunni ed alunne l’amore per il teatro: “Sostengo tutti coloro che con spirito amatoriale raccontano in maniera schietta e genuina i testi che rievocano la vita dei nostri avi; un teatro popolare e dialettale che incontra il favore del grande pubblico, non solo per la comicità tipica di questi, ma anche e soprattutto per quello che di più vero e di più autentico dipingono della nostra terra”.

La regista, sostenuta dalla dirigente scolastica Rossana Virciglio, ha avuto come obiettivo di far si che gli studenti, protagonisti del racconto, potessero riacquisire  il dialetto, e anche la pienezza dimenticata di quei valori culturali che rendono giustizia ai nostri avi, per la loro vita sofferta in una terra ricca di tradizioni e contraddizioni.

La seconda parte del saggio, invece, è stata dedicata ad un argomento prettamente letterario: il Ciclope, famoso dramma satiresco di Euripide, tradotto in dialetto, “U Ciclopu” a cura di Carla Carafa e Riccardo La Vecchia e dello studente Enrico Lo Bue. Il tutto, davanti ad una coloratissima e plastica scenografia, curata dalla docente Ilenia Marchese Ragona.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri