Fondato a Racalmuto nel 1980

Però che bello sentirsi chiamare papà!

Buona Festa del Papà a tutti

Raimondo Moncada

Oggi è la giornata del papà. Si festeggiano i papà presenti, i papà che ci sono, i papà che sanno essere papà. E sono festeggiati dai figli, se ci sono, se sono stati messi al mondo. Perché non tutti i figli hanno la fortuna di avere un papà presente e un papà che sappia fare il papà (è difficilissimo).

È una festa, dunque, anche del ricordo per chi non ha più il papà o per chi lo ha perso o per chi lo ha avuto sottratto. E quindi non ha niente o poco da festeggiare. Solo una giornata a leggere e a vedere altri festeggiare il proprio papà che c’è. Ma non tutti. Perché ci sono anche papà che pur essendoci non ci sono, non sanno fare i papà o sono spariti o non possono fare i padri che vorrebbero perché poveri, perché senza lavoro, perché disperati, perché mortificati dal destino. E i figli di questi papà chi e come e con che cosa dovrebbero festeggiare?

Penso ai bambini che a scuola vengono preparati dalle maestre a esprimere questo loro sconfinato, naturale, primordiale sentimento. Alzi la mano chi non ha ricevuto una letterina dalla propria figlia o dal proprio figlio con il cuoricino rosso disegnato e la figura monumentale di un uomo al centro di tutto che regge la famiglia, che regge come un pilastro una casa accogliente (il secondo pilastro è la mamma alla quale è riservata una seconda festa un po’ più avanti).

Per i bambini il papà è o dovrebbe essere un supereroe, con poteri magici e soprannaturali, che li porta ogni domenica alla giostra, che ogni domenica porta i dolcetti a casa, che ogni giorno non fa mancare nulla nel frigorifero, nella tavola della cucina dove tutta la famiglia si siede e mangia.

Ma non per tutti è festa. Non tutti possono festeggiare. Non tutti celebrano la giornata allo stesso modo. Non tutti i bambini hanno la fortuna di avere un padre e una famiglia. Non tutti gli uomini hanno la fortuna di diventare papà e di ricevere anche un piccolo ma potente pensiero dalla creatura che hanno messo al mondo. L’avete mai vista negli occhi, in silenzio, ed emozionarvi al pensiero che siete stati voi a mettere al mondo quella vita e che l’avete vista nascere, uscire con un urlo dal grembo della mamma?

Eliminare allora la giornata perché discriminatoria? No, perché? Me lo chiedo, e rifletto, aprendo gli occhi a questo 19 marzo e a inoltrarmi in una domenica di bellissimi festeggiamenti.

Buona festa del papà a tutti e anche a me, perché anche io lo sono con tutti i miei numerosi difetti ed errori a valanga (sono un autodidatta, non sono andato a scuola di papà, ho appreso qualche rudimento strada facendo).

Però che bello sentirsi chiamare papà!

https://raimondomoncada.it/

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Quando agli Esami di Stato arrivava l’ora X

Rinunciavi magari a svuotare la vescica per dare più tempo a pescare senza occhi vigilanti i temi che pensavi potessero servire. Ed in quel momento la magia si faceva concretezza

Storie che provengono dal Mediterraneo

La Giornata Mondiale del Rifugiato a Palma di Montechiaro

“La voglia e il desiderio di sognare”

Concorso Letterario Nazionale "Raccontami, o musa". “Fabbricanti di sogni" il tema dell'ottava edizione. Il Bando

Racalmuto festeggia San Calogero

Domenica 23 giugno un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco