Fondato a Racalmuto nel 1980

Solo Conan si salverebbe da una guerra nucleare

Proprio il genere umano, lo stesso creatore dell’ordigno atomico, sparirebbe dalla faccia della terra bruciato dalle potentissime radiazioni

Raimondo Moncada

Tutti a vantarsi del proprio arsenale atomico. E a non trattenersi dalla minaccia come se un conflitto con missili a testata nucleare lasciasse sul campo una parte vittoriosa.

La domanda è proprio questa: chi resisterebbe sulla terra in caso di guerra con le armi che già sono state per la prima volta testate in Giappone alla fine della seconda guerra mondiale?

Al quesito alla quale la ricerca scientifica ha dato una risposta. E a salvarsi non sarà l’uomo né la donna. Proprio il genere umano, il più intelligente, lo stesso creatore dell’ordigno atomico, sparirebbe dalla faccia della terra bruciato dalle potentissime radiazioni.

E allora chi resisterebbe? Gli scarafaggi? Neanche. Gli scarafaggi sarebbero tra i primi insetti a morire.

La risposta la trovo sfogliando Il libro dell’ignoranza di John Lloyd & John Mitchinson (Einaudi). Alla domanda “Chi o cosa avrebbe più probabilità di sopravvivere a una guerra nucleare” si dà questa risposta: “Conan il batterio”.

Non è il termine tecnico. Il microrganismo è chiamato affettuosamente “Conan” da chi lo studia. Il nome scientifico del batterio che potrebbe ereditare la terra è Deinococcus radiodurans. Meglio Conan, si fa prima.

“Lo si scovò che cresceva felice e beato in un barattolo di carne in scatola sottoposto a radiazioni”. E se la terra dovesse essere di nuovo sottoposta a glaciazione? Tanto meglio per l’amico Conan perché “quando è congelato la sua tolleranza raddoppia”.

Ne volete fare la conoscenza diretta? Non è difficile trovarlo in natura. Si distingue da tutte le altre micro forme vitali per il colore e il profumo. Conan è rosa e puzza di cavolo marcio. Per chi ha tempo di cercarlo, si può rintracciare nello sterco di elefante e lama, nel pesce e nella carne di anatra irradiati e perfino nel granito antartico.

È importante saperlo dopo che televisioni e giornali non fanno altro che parlare dei rischi di una guerra nucleare e anche di tutti gli scenari dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina e le varie dichiarazioni del presidente Putin e dei suoi ministri, e da alcuni gesti come l’ordine nel 2022 di allerta del sistema di difesa nucleare della Russia e la minaccia di uscita dal nuovo trattato Start (New Strategic Arms Reduction Treaty) del 2010 sulla limitazione delle armi nucleari. Si scherza col fuoco. Basta che cominci uno folle a schiacciare il bottone ed è finita per l’intero genere umano. C’è arsenale a sufficienza in chi ha deciso di sviluppare quest’arma e a riempire i propri garage.

Di questi tempi mi piacerebbe molto odorare di cavolo marcio e trasformarmi in Conan l’indistruttibile.

https://raimondomoncada.it/

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Come gestire le emergenze ostetriche”

E' il tema del convegno in programma ad Agrigento il 21 maggio

“Una Marina di Libri”, dal 6 al 9 giugno il Festival dell’Editoria Indipendente

Il 24 maggio al Parco Villa Filippina di Palermo la conferenza stampa di presentazione dell'edizione 2024. "Oltre i Confini" il tema di quest'anno

Mimmo e i miei ricordi rimasti in ombra per tanto tempo

Ho sempre avuto in animo di palesarli e l'articolo di Giancarlo Macaluso li ha riaccesi

“Io, Enzo Tortora, arrestato in nome del nulla, del puro delirio”

Il 18 maggio del 1988 moriva Enzo Tortora. Le lettere tra il noto personaggio televisivo e Leonardo Sciascia. La storia di Tortora è raccontata dalla figlia Gaia nel libro "Testa alta, e avanti", pubblicato da Mondadori nel 2023