Fondato a Racalmuto nel 1980

“Sicuri sulla strada”

Grotte, all’Istituto Roncalli gli alunni incontrano la Polizia Locale. La Preside Antonina Ausilia Uttilla: “Un percorso formativo di educazione stradale che ha lo scopo di sensibilizzare i nostri studenti alle regole di comportamento da tenere sulla strada”.

Per imparare ad essere più autonomi e responsabili sulla strada i nostri ragazzi hanno bisogno non solo di fare esperienze dirette, ma soprattutto di essere informati, formati e sensibilizzati. Se un tempo, infatti, i comportamenti da tenere in strada si acquisivano in maniera informale, magari perché si giocava in strada o si circolava in paese senza grandi pericoli, oggi bambini e adolescenti, figli di mamme chaperon, che provvedono, seguendo una rigidissima tabella di marcia, ad accompagnarli a scuola, in palestra, al catechismo, al parco giochi, sempre o quasi esclusivamente in macchina, mentre da un lato manifestano il bisogno di sentirsi grandi dall’altro rivelano grande insicurezza e non poche difficoltà a muoversi autonomamente nei percorsi urbani.

Ed ecco, allora, che a scuola arrivano gli agenti di polizia locale per aiutare gli studenti ad essere più “Sicuri sulla strada”.

“In collaborazione con l’Amministrazione Comunale, – spiega Antonina Ausilia Uttilla, dirigente scolastico del Roncalli – anche quest’anno, la nostra scuola propone un percorso formativo di educazione stradale rivolto agli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di primo grado, che ha lo scopo di sensibilizzare i nostri studenti alle regole di comportamento da tenere sulla strada e, più in generale, alle tematiche relative alla sicurezza stradale. Il progetto parte dalle esperienze e dalla valorizzazione delle conoscenze acquisite dai nostri studenti e si serve delle opportunità offerte dal territorio per giungere alla consapevolezza che in tutti gli ambienti vigono mezzi di segnalazione e norme universalmente riconosciute e rispettate”.

Provvisti di fame di conoscenza e di buone motivazioni, gli studenti del Plesso Sciascia oggi hanno incontrato l’agente della Polizia Locale Filippo Morgante e l’aspirante operatore di Polizia Locale Angela Salvaggio.

Guidati, quasi per mano, dai due esperti esterni, i ragazzi hanno partecipato ad una lezione interattiva multimediale per conoscere e discriminare gli utenti della strada, la differenza tra pedoni, animali e veicoli, i segnali stradali orizzontali e verticali, manuali e luminosi e tanto altro ancora.

“I bambini – racconta Maria Rita Esposito, referente del progetto – hanno partecipato in modo attivo, ponendo domande sui comportamenti che loro stessi osservano sulle strade del loro quartiere. Hanno anche saputo esporre le loro perplessità sull’uso improprio delle biciclette e dei motorini da parte dei più grandi!”.

La lezione esplicativa si è così presto trasformata in attività pratica, quando gli studenti hanno chiesto quale significato assumano le posizioni delle braccia del vigile quando gestisce il traffico stradale. Dall’aula scolastica gli studenti si sono trasferiti in cortile simulando il traffico stradale ad un incrocio: da studenti, i piccoli del Roncalli si sono trasformati in autovetture che affollavano il traffico caotico, mentre il vigile gestiva la viabilità dando loro esplicite indicazioni.

Così, a poco a poco, i ragazzi, si sono appassionati al lavoro che quotidianamente svolge il Vigile, un amico per molti di loro, un volto familiare, che incrociano tutte le mattine prima di entrare a scuola.

“Mi trovo qui, in questa scuola, – dice Angela Salvaggio, aspirante operatore della polizia locale – insieme alle insegnanti che mi hanno cresciuta non solo a livello accademico, ma anche a livello umano. Ritrovarmi all’interno di questo luogo che non è solo un luogo didattico, ma anche un luogo di crescita personale è stato emozionante. È stato per me un grande onore avere la possibilità di mettermi dall’altra parte del banco, di potere insegnare, dare consigli che magari io non ho ricevuto, ma che ho maturato da sola grazie alle mie esperienze. Oggi ho avuto anche la possibilità di insegnare una cosa molto importante, le norme contenute nel codice della strada. Ho trascorso anni per studiarle e per comprendere bene che spesso le regole non si seguono per consuetudine. Ai ragazzi ho consigliato di non seguire il prossimo nelle loro azioni se loro stessi riconoscono che ciò che fanno gli altri è sbagliato. Seguire le regole ci indirizza verso la giusta strada, ma al tempo stesso se non lo facciamo sappiamo bene che sono previste delle sanzioni. Quindi perché sbagliare se già siamo al corrente che vi è una conseguenza?”

A fine incontro, finalmente consapevoli dei rischi e dei pericoli che possono insidiarsi sulla strada, i ragazzi hanno chiesto la realizzazione di una pista ciclabile da utilizzare per rendere la strada più sicura.

Gli agenti della Polizia Locale del Comando di Grotte nei prossimi giorni torneranno a scuola per incontrare gli studenti del Plesso Roncalli e del plesso Orlando.

Al Comandante Salvatore Liotta vanno i ringraziamenti del dirigente scolastico, dei docenti e di tutti gli studenti per la disponibilità dimostrata.

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Premio Karkison 2024, si preannuncia una edizione “di alto livello”

Carmelo Cantone, organizzatore del Premio: "Non è semplice il lavoro della Giuria, ma siamo convinti che il pubblico apprezzerà e condividerà le decisioni”

“Fammi sapere che film si proietta questa sera” 

Leonardo Sciascia e Giuseppe Tulumello, storia di una passione e di un’amicizia

Teatro dell’Efebo, gli spettacoli in programma al Giardino Botanico

Due le rassegne: Teatro classico e del mito, dal 21 luglio al 2 agosto, e Teatro d'autore e musica, dal 3 agosto all'8 settembre

“Pirandello di sbieco”. A Le Fabbriche la presentazione del saggio di Salvatore Ferlita

Agrigento, la presentazione è in programma nell'ambito dell'iniziativa "le Fabbriche Fest"