Fondato a Racalmuto nel 1980

Opere straordinarie con una grande storia. Ecco le Vare della Settimana Santa di Caltanissetta

Le scene della Via Crucis nei sedici gruppi statutari che hanno reso i riti pasquali della città noti in tutto il mondo. 

Vara della Settimana Santa di Caltanissetta (Foto di Salvatore Picone)

Eccole le Vare della Settimana Santa di Caltanissetta. Seppur fotografate con un cellulare, queste immagini restituiscono la bellezza dei sedici gruppi statuari che rappresentano le scene della Passione di Gesù e le stazioni della Via Crucis. Vanno in processione il giovedì santo, in un rito divenuto noto in tutto il mondo.

Furono realizzate tra il 1883 e i primi del ‘900 dall’artista napoletano Francesco Biangardi e anche dal figlio Vincenzo con una tecnica di legno, cartapesta e tela olona foderata di stucco. Tutte appartengono a categorie, a ceti e confraternite: panificatori, ortolani, pastai e mugnai, marmisti e gessai, macellai, borgesi, vinai e carrettieri, minatori. L’urna appartiene alla Chiesa, mentre la scena del Sinedrio al Comune.

Opere straordinarie con una grande storia. L’Ultima cena, recentemente, è stata esposta all’aeroporto di Roma, e per l’Expo di Milano ha attratto migliaia di curiosi. E’ il simbolo di tutte le Vare. Ma ce n’è una che ha una storia assai dolorosa e particolare, quella del gruppo statutario La Veronica. Fu realizzata in segno di ringraziamento dagli zolfatari della miniera di Gessolungo scampati, il 12 novembre 1881, da una terribile esplosione di grisou dove morirono una settantina di minatori. Il dolore, il dramma, le vittime. A futura memoria fu realizzata questa Vara che è tornata, in questa Pasqua del dopo covid, tra le piazze e viuzze della città di Caltanissetta.

Guarda le foto di Salvatore Picone

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.