Fondato a Racalmuto nel 1980

“Preessoré, posso schiacciare un pisolino?”

A proposito di esami di maturità e prove scritte

Angela Mancuso

Il Ministero dell’Istruzione sta attualmente lavorando per definire le modalità di svolgimento della maturità 2022. Gli studenti premono per un esame simile a quello degli ultimi due anni, senza scritti ma con un unico orale.

A tal proposito gli studenti della maturità 2022, su change. org, hanno lanciato una petizione per eliminare la prima e la seconda prova dell’esame: “Noi studenti maturandi chiediamo l’eliminazione delle prove scritte all’esame di maturità 2022, poiché troviamo ingiusto e infruttuoso andare a sostenere un esame scritto in quanto pleonastico”.

Ecco, sul pleonasmo sono pienamente d’accordo. Io, però, mi spingo ancora oltre al pleonasmo, chiedendo di eliminare qualsiasi forma di verifica scritta già a partire dal primo anno.

Dopo decenni di esperienza maturata sul campo, di prove scritte preparate, dettate, fotocopiate, corrette, valutate e di matitoni rossi e blu che si sono suicidati, sono giunta alla convinzione ferma e inappellabile che le verifiche scritte vadano immediatamente abolite e vietate dalla legge. E non per fare un favore agli studenti. No no. È per salvaguardare quel briciolo di sanità mentale che ancora rimane a noi docenti.

Studenti che arrivano al quinto anno e che ancora pongono le stesse assillanti domande del primo compito del primo anno:

“Preessoré, ma il foglio lo dobbiamo piegare?”

“Preessoré, ma il nome dove lo dobbiamo scrivere?”

“Preessoré, posso chiedere ai compagni se hanno un foglio in più?”

“Preessoré, ma io non me lo ricordo che abbiamo fatto questo argomento”

“Preessoré, posso scrivere sul foglio a quadretti?”

“Posso usare l’imbianchino?”

“Posso mangiare un pezzo di panino?”

“Posso schiacciare un pisolino?”

“Che ore sono? Quanto manca?”

“Preessoré, lo sappiamo che ci ha dato sette ore e quarantacinque minuti  e che si è fatta prestare l’ora di religione, l’ora di educazione fisica e un’ora da un professore di un’altra scuola, ma se non ce la facciamo a ricopiare, possiamo continuare domani?”

“Preessoré, ma se va male ce lo fa rifare?”

“Preessoré, ma non è che poi ci mette troppo tempo a correggerli e ce li porta quando già siamo all’ Università?”

Abolizione immediata. La petizione da firmare la trovate su www.leverifichescrittecriminicontrolumanita.org

Condividi articolo:

spot_img

Block title

Conosce i segreti dei libri e degli scrittori di ogni tempo

Conversazione con Salvatore Ferlita, docente universitario, saggista e critico letterario. Il 17 aprile alla libreria Feltrinelli di Palermo la presentazione del suo nuovo libro Pirandello di sbieco, edito da Sellerio

“Tra Terra e Acqua: Antiquarium del Mare”

Agrigento, a Casa Sanfilippo la presentazione del volume in memoria di Daniele Valenti

“Cucina in giallo”

Al Museo "Pietro Griffo" di Agrigento Gaetano Savatteri presenta la nuova Antologia di Gialli edita da Sellerio

Gianfranco, l’eremita che amava costruire giocattoli

Una vita travagliata quella di Gianfranco Messana: l'abbandono della madre a Milano, l'infanzia difficile a Racalmuto e poi pellegrinaggi in Grecia e in Spagna. L'unica sua passione: costruire giocattoli. A Mori, vicino Rovereto, dove visse negli ultimi anni, il suo ricordo ancora vivo.