Fondato a Racalmuto nel 1980

“O miei pulcini spennacchiati, preparate una lettera per il ministro”

Pianeta scuola. A proposito di classi pollaio 

Angela Mancuso

Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, in un intervento a La Repubblica, ha parlato anche di classi pollaio e reagendo con tono deciso  alle sollecitazioni di una mamma che si lamentava del fatto che nella classe di suo figlio ci fossero 29 alunni, ha così sentenziato:

“Classi pollaio? Io non sono né Harry Potter né Albus Silente, ci stiamo lavorando! ”
Ha ragione. Ha perfettamente ragione.

Il ministro non è un supereroe, tipo quel Gig robot d’acciaio che si trasformava in testa di robot, poi l’amica gli lanciava i componenti, lui si assemblava e combatteva i nemici pollai dell’umanità.

I ministri dell’Istruzione sanno benissimo che occorre risolvere il problema delle classi pollaio, non è il caso di rammentarglielo ogni anno, ad ogni legislatura, da sessant’anni. Perbacco!

E poi che male c’è nelle classi pollaio? Io qualche anno fa ho avuto una classe di 34 alunni. Trentaquattro. E ogni giorno portavo a casa 34 uova fresche fresche.

“Preessoré”

“Eh”

“Ma le sembra giusto che nelle classi pollaio ci debbano essere solo polli? Non sarebbe bello, inclusivo, integrativo, comprensivo ammettere anche  tacchini, conigli, pavoni, anatre e altre specie avicole?”

“Avete ragione, o miei pulcini spennacchiati, preparate una lettera per il ministro. La spediamo direttamente a  Hogwarts, la scuola di magia e stregoneria di Harry Potter”

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Ecco come è nato il mio Libro”

Ad Ucria la presentazione del libro L’eretico don Paolo Miraglia di Carmelo Sciascia. L' intervento dell’Autore

“Mafia di Casa nostra”

Rassegna letteraria "Sùrfaro", le foto dell'incontro con gli scrittori Carmelo Sardo e Gaetano Savatter

“La mia Racalmuto come Pamplona”

Un'intervista a Leonardo Sciascia realizzata da Giuseppe Troisi e pubblicata dal "Giornale di Sicilia" il 6 luglio 1986.

Premio Karkison 2024, si preannuncia una edizione “di alto livello”

Carmelo Cantone, organizzatore del Premio: "Non è semplice il lavoro della Giuria, ma siamo convinti che il pubblico apprezzerà e condividerà le decisioni”