Fondato a Racalmuto nel 1980

“Lasciateci cantare”. E la chitarra di Osvaldo Lo Iacono squarcia il silenzio del Teatro Pirandello

Poche note, poche parole, poche immagini regalano un concentrato di emozioni che solo l’arte, quella vera, sa regalare. ll grido di dolore, e di speranza, degli artisti fermi ormai da un anno. 

In un silenzio quasi assordante, tra le mura di un teatro Pirandello completamente deserto, deserto da oltre un anno, Osvaldo lo Iacono lancia il suo grido di protesta sulle note de “L’italiano”, la canzone di Toto Cutugno.

L’inno all’italianità più cantato dagli italiani nel mondo dà voce, con le sue semplici parole, alle richieste che gli artisti agrigentini vogliono lanciare dopo mesi di agonia, per chiedere con gran forza la riapertura dei luoghi di spettacolo.

Osvaldo Lo Iacono, affermato musicista agrigentino, lo fa in maniera prorompente, incisiva, estasiante, attraverso le note della sua chitarra distorta, calcando il palcoscenico del teatro Pirandello, mai così deserto, mai così vuoto, mai così emotivamente dirompente.

Poche note, poche parole, poche immagini regalano un concentrato di emozioni che solo l’arte, quella vera, sa regalare.

Per raccontare “Lasciateci cantare”, il video realizzato con la regia di Giacomo Fattori, il montaggio di Alessandro Giuliana e le riprese di Antonino Albergamo, abbiamo incontrato Osvaldo, intrattenendoci in una piacevole e coinvolgente conversazione. Poche battute. Grandi emozioni.

Guarda l’intervista

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“L’ acqua è vita, è un diritto riceverla”

Crisi idrica. Assemblea popolare a Favara in Piazza Cavour. Ma la risposta della popolazione è stata deludente. I promotori dell'iniziativa: "Anche se in 200 questa prima azione era importante.."

“Per Voce Sola”

Agrigento al Teatranimahub terzo appuntamento con la II rassegna teatrale in ricordo di Mariuccia Linder

ASP Agrigento, stabilizzati settantaquattro operatori socio sanitari

La prossima settimana la sottoscrizione del contratto a tempo indeterminato che prevede il passaggio da 18 a 36 ore settimanali.

“Un’occasione unica per immergersi nella storia e nell’arte attraverso gli occhi dei fotografi”

Agrigento, nella Sala Zeus del Palacongressi la presentazione del volume dedicato al Fondo Fotografico Eredi Stefano Pirandello.