Fondato a Racalmuto nel 1980

Favara sempre più rosa

Dal Palazzo comunale alle scuole, tutte le donne alla guida della città

Dal primo settembre tutti gli Istituti scolastici di Favara avranno una guida femminile e la città si tinge sempre più di rosa nei posti dirigenziali. Con l’ultima operazione di mobilità dei Dirigenti scolastici, decretata giorni fa, tre Istituti cambiano vertice. Si tratta del Liceo “King” con l’arrivo di Mirella Vella al posto di Salvatore Pirrera, da settembre collocato a riposo, dell’I.C. “Bers. Urso” con Rosetta Morreale, che subentra a Brigida Lombardi trasferita all’I.C. “Esseneto” di Agrigento e con Sandra Scicolone, trasferita all’I.C. “Falcone Borsellino” e che prenderà il posto di Carmela Sgarioto, dal prossimo settembre a Ragusa. Mirella Vella, originaria di Naro ma ormai favarese di adozione, dove risiede da anni con la propria famiglia, dopo 12 mesi di Dirigenza a Barrafranca, nell’I.C “Europa”, ritorna nella scuola che l’ha visto brillante docente di lettere e componente dello staff di Presidenza al fianco di Salvatore Pirrera. Durante il periodo ennese ha tenuto un filo diretto con la sua Favara, partecipando, nel dicembre scorso, al premio “Buttitta”, facendo il pieno di consensi con la sua orchestra scolastica. Un ritorno nella sua Favara, dopo un brillante anno a Bivona alla guida dell’IIS “Pirandello”, anche per Rosetta Morreale, che conosce molto bene le dinamiche e le problematiche della scuola favarese per essere stata per un periodo assessore comunale alla Pubblica istruzione nell’amministrazione del sindaco Rosario Manganella.

E’ un ritorno a Favara anche per l’agrigentina Sandra Scicolone, già docente alla scuola media “Vaccaro” e al Liceo King. La Scicolone, membro del consiglio nazionale dell’Associazione Nazionale Dirigenti pubblici alte professionalità della scuola, da anni affermata Dirigente a Gela all’I.C. ”Ettore Romagnoli” andrà a dirigere uno degli istituti con la più alta popolazione scolastica, il “Falcone Borsellino” e prenderà il posto, come detto, di Carmela Sgarioto, che pochi giorni prima del lockdown era subentrata alla guida della scuola di via Angela D’oro, dopo la prematura scomparsa di Antonietta Morreale. Carmela Sgarioto, anche se al suo primo anno di servizio, ha portato a bordo con successo un anno scolastico particolare,facendosi apprezzare da docenti, alunni e famiglie anche “a distanza” per il modo garbato con cui si è rapportata con la comunità scolastica.
Mirella Vella, Rosetta Morreale e Sandra Scicolone troveranno le colleghe Melinda Broccia all’I.C. “Brancati”, Gabriella Bruccoleri all’I.C. “Guarino”, Milena Siracusa all’Istituto Alberghiero “Ambrosini” ed Elisa Casalicchio che dirige l’Istituto professionale “Fermi”, da cui dipende la sede di Favara di via Che Guevara.

Scuole in rosa anche nelle segreterie. Ben quattro su sette D.S.G.A sono donne: Antonella Morreale al “Guarino”, Rosetta Notonica alla “Falcone Borsellino”, Rosalia Floriddia al “Bers. Urso” e Mirella Castronovo all’Ambrosini. E sarà, per Dirigenti Scolastici e Direttori dei Servizi generali e amministrativi, un settembre “caldo” per il ritorno, tanto auspicato, in presenza di alunni e docenti nelle aule. Un anno zero per la scuola italiana del post Covid-19 (sperando nella fine dell’emergenza) tra il reperimento di banchi monoposto, dispenser con gel nei corridoi e atrio, edilizia leggera da realizzare per la creazione di nuovi spazi e ogni disposizione per garantire la distanza tra le rime boccali, come la ministro Azzolina definisce il distanziamento tra alunni.

Ma Favara è donna, non solo a scuola, anche dentro il Palazzo di città. Oltre ad Anna Alba, prima sindaco donna del paese chiaramontano, c’è anche l’assessore alla pubblica Istruzione Maria Giudice, l’assessore al bilancio Maria Laura Maggiore e l’assessore alle Pari opportunità Miriam Mignemi. Pari opportunità che, almeno sul fronte scolastico, rischiano di essere rivendicate non dal gentil sesso, ma dagli uomini. Ma questo va a rafforzare la forte contraddizione che da sempre distingue Favara in tanti settori. Donna è anche il Segretario generale del Comune di Favara Simona Nicastro, come anche al femminile sono alcune autorevoli presidenze nel mondo dell’associazionismo tra le quali Mariella Schifano all’Anffas, Lina Urso Gucciardino al centro “Guttuso”, Lia Sorce all’associazione “San Vincenzo de Paoli”, Florinda Saieva responsabile della Farm Cultural Park e tante altre che presiedono importanti strutture sanitarie, commerciali ed imprenditoriali.
E se per le operatrici culturali Ilenia Costanza e Lorena Vetro la Trinacria è donna, come cantano e recitano nel loro spettacolo di successo portato in giro in tanti teatri Italiani, Favara non è da meno.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“C’era una volta la Dc”

Agrigento, al Centro culturale “Pier Paolo Pasolini” la presentazione del libro di Elio Sanfilippo

Leucemie e Mieloma, come possiamo aiutare la ricerca scientifica

Se ne parla nello Speciale Medicina di Simona Carisi in onda su Teleacras

“Dal sesto piano”

Il racconto della domenica

Torna Màkari. Con tutti i libri del mondo e una sorpresa

Terzo episodio di "Màkari", domenica 3 marzo alle 21.25 su RaiUno. In scena, Ninni Bruschetta e Romina Caruana.