Fondato a Racalmuto nel 1980

Le nostre prime pagine raccontano/6

1980-2020 Malgrado tutto… aspettando i quarant’anni

Il 1984 apre a gennaio con una prima pagina da “edizione straordinaria”, numero interamente dedicato al Premio Castelluccio dedicato alla poesia dialettale regionale.

Malgrado tutto Febbraio-Marzo 1984

A marzo un nuovo numero. In prima la declassificazione delle stazioni ferroviarie di Grotte e Racalmuto. Rilevante in questo numero, che ospita articoli di Luigi Ruoppolo, Gigi Restivo, Salvatore Marchese, Mario Gaziano, Luigi Galuzzo, Gaetano Savatteri, il paginone dedicato alla mostra dei Ritratti di Racalmutesi dell’800 allestita presso il teatro comunale curato da Gaetano Restivo, con un intervento di Leonardo Sciascia dal titolo “Ritratti che raccontano un frammento della storia del nostro paese”.

Malgrado tutto Aprile-Maggio 1984

Ad aprile-maggio l’apertura è dedicata ancora al teatro e la notizia dell’architetto Antonio Foscari che accetta l’incarico per il progetto di restauro. In questo numero un articolo da evidenziare, firmato da Carmelo Arrostuto e Calogero Giglia, è “Da centrale elettrica a centrale culturale”, la proposta di recupero della vecchia e fatiscente centrale elettrica, anni dopo divenuta sede della Fondazione Sciascia. Anche in questo numero un paginone notevole è dedicato alla mostra dei Ritratti dell’800 “Quando l’immagine fa storia”, con articoli di Leonardo Sciascia, Gesualdo Bufalino, Massimo Ganci, Gigi Peritore, Mario Gaziano, ed altri.

Malgrado tutto Giugno-Luglio 1984

A luglio in apertura un’intervista di Egidio Terrana a Leonardo Sciascia: “La democrazia da noi è più forma che sostanza”, le opinioni dello scrittore, sempre più legato a Malgrado tutto, sulla giustizia in Italia. All’interno un’altra importante intervista. Gaetano Savatteri incontra Gesualdo Bufalino: “Immagine della Sicilia di un tempo“, il titolo. Altri articoli sono firmati da Gemma Amico, Salvatore Costanza, Gaetano Restivo, Gigi Restivo.

Malgrado tutto Agosto-Settembre 1984

Nel numero di agosto-settembre l’apertura della prima pagina è dedicata al crollo e alla crisi del mercato dell’uva Italia. In prima anche la crisi della politica locale e l’annuncio del sindaco Marchese di lasciare la poltrona di primo cittadino. Da questo numero iniziano le “terze pagine” di Malgrado tutto che si caratterizzeranno, ora in avanti, non solo per la veste grafica che dà spazio ad una grande immagine al centro pagina, ma soprattutto per i contenuti che richiamano la letteratura e l’arte in generale. È proprio Leonardo Sciascia a chiedere di pubblicare il racconto “Contrada Noce”, primo di una serie di notevoli e rare pubblicazioni accompagnate da una incisione. Il racconto di Sciascia è accompagnato dall’incisione di Giancarlo Cazzaniga. Il paginone, invece, è dedicato all’inchiesta di Gaetano Savatteri sul trauma dell’emigrazione. Titolo: “Professione emigrato”. Altri articoli sono firmati dal medico-naturalista Giovanni Salvo, Totò Castelli, Salvatore Costanza, Gigi Restivo.

Malgrado tutto Ottobre-Novembre 1984

L’ultimo numero del 1984 arriva in edicola a novembre. In prima pagina un fondo di Aldo Scimè, anche lui come Sciascia affettuosamente molto vicino al giornale, dedicato al metano in Sicilia. Come mai il metano della vicina Algeria – scrive Scimè – arriva prima a Milano e non a Racalmuto o Caltanissetta?

Malgrado tutto Ottobre-Novembre 1984 (pagine 4/5)

In terza pagina il racconto “Il giallo, la pioggia di Matteo Collura, tratto sempre dalla cartella “Gli amici della Noce” diretta da Sciascia e stampata da Franco Sciardelli. Il paginone interno è dedicato al Pietro D’Asaro: “Appuntamento con il monocolo” di Gaetano Restivo e gli articoli di Leonardo Sciascia e Aldo Scimè dedicati alla mostra, organizzata grazie al loro contributo, delle opere del pittore Racalmutese del Seicento.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri