Fondato a Racalmuto nel 1980

“La politica locale deve fare un salto di qualità”

Elezioni Racalmuto. Parla il sindaco uscente Vincenzo Maniglia: “Anche se non mi sono ricandidato il mio impegno per Racalmuto continua”

Vincenzo Maniglia sindaco uscente di Racalmuto

A Racalmuto l’8 e il 9 giugno si voterà per l’elezione del sindaco e il rinnovo del Consiglio comunale. Come ormai è noto sono tre i candidati a sindaco: Calogero Bongiorno, sostenuto dalla lista “La svolta per Racalmuto – Bongiorno sindaco”Salvatore Petrotto, sostenuto dalla lista “Racalmuto riparte – Petrotto sindaco”; Salvatore Picone, sostenuto dalla lista “Un paese per tutti – Salvatore Picone sindaco”.

Non figura tra i candidati il sindaco uscente Vincenzo Maniglia. “Oggi, purtroppo, le circostanze non consentono una mia ricandidatura”. Così Maniglia ha motivato la sua decisione. Parole affidate ad un manifesto rivolto a tutti i cittadini e ribadite al nostro giornale. “Tuttavia – sottolinea – questo non segna la fine del mio impegno per questa città che amo così profondamente”.

Sindaco quali sono le circostanze di cui lei parla e come pensa di continuare il suo impegno per Racalmuto

Quando si crea un progetto ed un programma per la città è consequenziale che tutti i protagonisti di quel progetto hanno il dovere di mettere in campo le proprie competenze e capacità affinché il progetto diventi realtà. Bene, in questi cinque anni di amministrazione, i protagonisti di quel progetto spesso non hanno lavorato di squadra, non hanno fatto quadrato e difeso le scelte operate o addirittura hanno preso i meriti solo sulle cose positive scaricando al Sindaco la responsabilità delle cose negative. L’impegno politico di cui parlo nel manifesto è lo stesso che mi vede attivo da più di un trentennio ed è dunque naturale che possa essere portato avanti, indipendentemente dalla carica. L’ho sempre fatto e continuerò a farlo.

Nel suo messaggio ai cittadini lei invita la politica locale “a fare una riflessione sulle scelte operate”. A cosa si riferisce quando parla di scelte?

La politica locale deve fare un salto di qualità, deve in sintesi costruire con continuità il progetto per Racalmuto. Per fare un esempio: quando si semina qualcosa si attendono i frutti che matureranno negli anni successivi. Purtroppo ci sono alcuni che puntualmente decidono di rimettere in gioco tutto, di “far saltare il tavolo” , di iniziare tutto d’accapo. Questa fluidità di intenti e d’interessi non aiuta la crescita della città e crea confusione e i giudizi negativi dei cittadini verso la classe politica tutta con la conseguenza che molti, uomini e donne capaci, non vogliono mettersi in gioco.

5 anni alla guida del Comune, cosa le lascia questa esperienza?

Vincenzo Maniglia

Mi lascia un grande patrimonio di esperienze, da quelle umane a quelle politico-amministrative. Guidare una città è qualcosa di indescrivibile, rappresentare la città è un orgoglio che ti porti dietro per tutta la vita e per questo motivo ho ringraziato tutti i cittadini che mi hanno permesso di rappresentarli. Facendo il Sindaco si comprendono tante cose e ti rendi conto che a volte non è facile risolvere tutti i problemi di una comunità; spesso non ci sono soldi a sufficienza e si ha la sensazione di essere in trincea senza sufficienti armi a disposizione.

Quali sono le priorità di questo paese?

Prioritario è rendere efficienti i servizi, anche quelli non gestiti direttamente dal Comune, pretendere maggiori possibilità di lavoro che a Racalmuto manca ed esaspera i cittadini, prioritaria è anche la necessità di mettere in rete e di ottimizzare l’azione di tutti i promotori turistico-culturali. Tanto si è fatto in questi anni e Racalmuto è cresciuta come meta turistica per le sue molteplici valenze, ma ancora tanto c’è da fare per consolidare i risultati e creare molte più opportunità economiche e di lavoro.

Quali consigli si sente di dare, anche alla luce della sua esperienza, al futuro sindaco di Racalmuto

Consiglio vivamente di non ingannare i cittadini, di pretendere da se stesso e da tutti coloro che lo hanno sostenuto un impegno costante reale, sacrificando il proprio tempo a servizio della collettività; di non cedere alle pressioni politiche di parte se queste si discostano dal progetto amministrativo; di fare scelte coraggiose e coerenti con il bene comune, anche antipopolari se queste sono necessarie alla crescita della comunità; di incoraggiare  gli impiegati a migliorare le loro competenze e le loro professionalità, requisiti necessari per avere una macchina amministrativa più moderna, efficiente e di qualità. Io, tutto questo l’ho fatto, mi auguro che anche gli atri lo facciano per la nostra città. Buona fortuna.

Leggi anche

Bongiorno, Petrotto, Picone. Chi sarà il nuovo sindaco di Racalmuto?

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

 

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Comprendere e Affrontare la Migrazione in Sicilia”

E' il tema del Work shop in programma a Sciacca il 24 e 25 giugno

“Tararà”, adattamento teatrale in lingua siciliana di alcune novelle pirandelliane

Lo spettacolo è in programma Il 28 giugno, alle 18, al Circolo Empedocleo

Racalmuto festeggia San Calogero

Oggi un'intera giornata sarà dedicata al "Santo nero" molto amato in tanti centri dell'agrigentino. La statua di San Calogero si venera da secoli nella chiesa di San Francesco

“La Sicilia di Rosa”

Oggi, 23 giugno, il Centro Studi di Cultura Siciliana e del Mediterraneo inaugura a Licata una mostra di dipinti dedicata a Rosa Balistreri